Vallo della Lucania, processo troppo lungo: ministero condannato

Infante viaggi

Eccessiva durata del giudizio presso il tribunale di Vallo della Lucania: fa ricorso contro il ministero della Giustizia e vince. Ora lo Stato dovrà corrisponderle 14.139,39 euro. La Corte di Appello di Napoli, «in accoglimento della domanda di equa riparazione proposta dalla ricorrente per l’eccessiva durata del giudizio, condannava il Ministero al pagamento della somma richiesta, oltre gli interessi dalla domanda e le spese». Il decreto è stato munito di rituale formula esecutiva nel novembre 2013 e notificato al Ministero il 3 gennaio 2014. Non essendo stato proposto ricorso per Cassazione, è così passato in giudicato. Nonostante la notifica, a tutt’oggi il Ministero non ha ottemperato alla condanna e non si è costituito in giudizio. In caso di ulteriore inottemperanza da parte del Ministero, dopo la sentenza del Tar, sarà nominato quale commissario ad acta un dirigente amministrativo dell’amministrazione giudiziaria, con facoltà di subdelega, da individuarsi a cura del capodipartimento dell’organizzazione giudiziaria presso il Ministero della Giustizia, che provvederà ai sensi e nei termini prescritti al compimento degli atti necessari all’esecuzione del decreto, con onere, per l’amministrazione, di comunicare alla segreteria della sezione il nominativo del designato. La notizia la riporta Voce di Strada.

  • Assicurazioni Assitur

©Riproduzione riservata

Assicurazioni Assitur