Vallo Della Lucania, Miraldi su trasporto rifiuti fuori dal comune: «Ho chiesto chiarimenti, non ho avuto mai risposta»

Che a Vallo Della Lucania, e in altri comuni del Cilento, si pagasse il trasporto dei rifiuti verso centri di stoccaggio lontani è notizia di qualche giorno fa. Il 30 giugno è stata pubblicata sull’albo pretorio la delibera con cui il Comune di Vallo liquidava la Yele spa per il trasporto dei solidi urbani a Battipaglia. Quarantaquattro mila euro per 4 mesi. Si tratta di una spesa che deve essere coperta dalla tassa sui rifiuti. Ad interessarsi della vicenda è il consigliere di minoranza Pietro Miraldi. «Quella dei rifiuti è una questione che mi incuriosisce – spiega Miraldi al giornale del Cilento – Nonostante abbia chiesto più volte agli amministratori se potessero sciogliere i miei dubbi, non ho avuto mai risposta». «Perché il costo dei rifiuti a Vallo è molto alto? – incalza Miraldi – Qual è la percentuale di raccolta indifferenziata e perché quei pochi che la fanno pagano come chi non la fa?». E ancora: «I cittadini pagano ancora i 30mila euro dei sacchetti dell’organico? Sono stati restituiti i soldi dei sacchetti mai consegnati che avete ‘carpito’ ai cittadini per almeno 4 anni?». Queste le domande a cui chiede risposta Miraldi, l’ultima delle quali sembra celare una proposta: «Perché non valutate di gestire il servizio rifiuti in proprio come stanno facendo comuni limitrofi con il vantaggio di abbattere sensibilmente i costi?».