Vallo della Lucania, ultimatum dalla Prefettura: «Diffido consiglio comunale ad approvare bilancio entro 15 giorni»

Il comune di Vallo della Lucania non ha ancora ottemperato all’obbligo di deliberare l’approvazione del bilancio di previsione per l’anno 2015. A comunicarlo un documento ufficiale redatto mercoledì 9 settembre dal Prefetto della provincia di Salerno. Ne scaturisce una diffida in cui il Prefetto avvisa il consiglio comunale di Vallo della Lucania che entro i prossimi 15 giorni dovrà approvare il bilancio di previsione 2015, corredato di tutti gli atti che ne costituiscono parte integrante. Se ciò non dovesse accadere si dovrà fare ricorso allo scioglimento degli organi elettivi del Comune. «Il Comune non ha rispettato il termine per l’approvazione del bilancio comunale – dichiara il consigliere Miraldi -, il quale doveva essere presentato in data 30 luglio 2015. Ha approvato solamente il bilancio in giunta il 29 luglio ma non in consiglio comunale. Ora, giunti al 7 settembre il Prefetto ha messo alle strette il comune, il quale rischia lo scioglimento del consiglio comunale. Basti pensare che il sindaco ha ordinato l’apertura degli uffici comunali. In poche parole – spiega Miraldi – visto che il Prefetto ha dato ordinanza di 15 giorni, il sindaco per recuperare due giorni ha predisposto l’apertura degli uffici anche sabato 19 e domenica 20. Ma perché non apre già da domani e domenica il comune di Vallo? Beh, perché i documenti non sono ancora pronti. I funzionari sfrutteranno così oggi, domani e domenica per ‘mettere a posto le carte’. Io – conclude il consigliere – scrissi una lettera al prefetto il 10 agosto in cui presentavo esplicitamente tale situazione, probabilmente la loro risposta è stata proprio la diffida ricevuta mercoledì».