Vibonati ricorda i carabinieri caduti a Nassirya | FOTO

Infante viaggi

Vibonati non dimentica quel 12 novembre del 2003. Erano le 8.40, ora italiana, quando la brutalità della guerra portò via per sempre 12 carabinieri, 5 militari dell’Esercito, un cooperatore internazionale e un regista, tutti vittime di un attentato che uccise anche 9 iracheni e provocò 58 feriti. Era la strage di Nassirya in Iraq, una città fino ad allora sconosciuta, che da 16 anni l’Italia ricorda con dolore.

Anche nel sedicesimo anniversario della strage, la Pro Loco Villammare-Vibonati ha organizzato un momento di commemorazione dei diciannove caduti militari e civili italiani, vittime di quell’orrendo attacco terroristico che colpì la missione “Antica Babilonia”.

  • Vea ricambi Bellizzi

A Vibonati, ieri, è stata celebrata una messa dal parroco, don Martino Romano, nel monastero di San Francesco di Paola. Alla funzione hanno partecipato le autorità civili e militari, i rappresentanti dei reduci, gli studenti e le varie associazioni del territorio.

  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Lido Urlamare Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
«La violenza va condannata in tutte le sue forme, proprio di qualche giorno fa è l’attentato in Iraq che ha causato il ferimento grave di militari italiani che sono lì per aiutare a ricostruire ponti, strade, infrastrutture. – ha commentato l’assessore di Vibonati, Luisito Giudice – Le missioni di pace non possono trasformarsi in azioni di guerra, non devono… le popolazioni più deboli vanno aiutate e purtroppo i terroristi sfruttano l’ignoranza per arruolare bambini e per renderli criminali. Ed é importante – ha concluso – che anche i nostri bambini capiscano il senso di ció che è successo e ripudino ogni forma di violenza per essere cittadini migliori».

©Riproduzione riservata