«Voglio essere ricoverato»: minaccia di uccidersi con bottiglia rotta poi tenta fuga, arrestato

Ha minacciato di tagliarsi la gola davanti all’ospedale pretendendo dai medici che gli venissero somministrati alcuni medicinali e che fosse ricoverato. Il fatto è avvenuto ieri all’ospedale di via San Leonardo a Salerno, dove il personale della polizia del commissariato sezionale di pubblica sicurezza di Torrione è intervenuto per calmare l’uomo che stava dando in escandescenze.  Il giovane, non essendo riuscito ad ottenere quanto preteso, ha raccolto un pezzo di vetro di una bottiglia rotta e ha minacciato di tagliarsi la gola. Tutto questo davanti ai tanti che entravano e uscivano dalla struttura ospedaliera. All’inizio è intervenuto un agente in servizio al drappello di Polizia, insieme a due guardie giurate, poi il poliziotto ha chiesto rinforzi. L’uomo ha continuato a tenere un atteggiamento minaccioso e violento, per poi darsi alla fuga per evitare di essere fermato. Inseguito dal poliziotto e dalla pattuglia, il giovane è stato bloccato e identificato: si tratta di un 36enne residente a Pontecagnano Faiano, già noto alle forze dell’ordine per diversi precedenti di polizia, e tratto in arresto per tentata estorsione, violenza, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale. L’arrestato è stato poi messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per essere sottoposto a rito direttissimo.

©Riproduzione riservata