• Home
  • Cronaca
  • Due ambulanze e quasi un’ora per soccorrere una ferita in mare a Camerota

Due ambulanze e quasi un’ora per soccorrere una ferita in mare a Camerota

di Luigi Martino

Non è bastata un’ambulanza e tanta paura. E’ servito un secondo mezzo di soccorso e 50 minuti di attesa per accompagnare al pronto soccorso una donna rientrata al porto di Marina di Camerota a bordo di un’imbarcazione della cooperativa Rosa dei Venti che accompagna i turisti lungo la costa a sud del borgo marino cilentano. Quando mancavano pochi minuti alle 11 di questa mattina, una turista in vacanza nel Cilento scivola sulla spiaggia degli Infreschi e si frattura una gamba. Era in compagnia della famiglia tra le calette dell’area marina protetta. Un’imbarcazione l’ha accompagnata subito nel porto di Marina di Camerota. Sono le 11.05. La barca effettua una manovra e si avvicina alla banchina. Sul posto c’è un’ambulanza e gli uomini della guardia costiera dell’ufficio circondariale di Camerota. Dopo un breve colloquio e alcune prove, i sanitari non riescono a far scendere dall’imbarcazione la donna. Un infermiere le fa una siringa di antidolorifico alla gamba fratturata. La prima ambulanza va via a sirene spiegate, la donna resta stesa in barca in attesa di nuovi soccorsi. Sono più di 40 i minuti di attesa sotto il sole. Alle 11.50 arriva una seconda ambulanza e due sanitari diversi da quelli che hanno effettuato il primo soccorso. La turista finalmente viene caricata in ambulanza e trasferita al pronto soccorso. Per lei una frattura alla gamba destra. 

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019