• Home
  • Cronaca
  • Facebook bocciato in geografia, per il social network Polla è in Basilicata: monta la protesta

Facebook bocciato in geografia, per il social network Polla è in Basilicata: monta la protesta

di Luigi Martino

Dalla cittadina di Polla gli abitanti alzano la voce: «Facebook, noi siamo in Campania non in Basilicata». Per il social network, invece, la cittadina dove anche George Clooney voleva acquistare casa non esiste.

Prima o poi in geografia ci cascano tutti. E’ impossibile ricordare e posizionare nel modo giusto tutte le città, le capitali e i mari del’intero globo. Così anche il social network di Mark Zuckerberg che, sin dalla sua creazione posiziona Polla, piccola cittadina della provincia di Salerno balzata qualche tempo fa agli onori delle cronaca internazionale per la possibilità che George Clooney vi acquistasse una dimora, nella regione sbagliata e cioè in Basilicata anziché che in Campania.

Errare è umano, certo,  ma perseverare è diabolico, quindi dal piccolo paese del Parco del Cilento e Vallo di Diano, lanciano un appello affinchè il social network corregga l’errore. Alcuni giovani membri su Facebook del gruppo Polla hanno ideato un contest per attirare l’attenzione degli informatici che gestiscono il server. Per partecipare alla protesta montata dagli abitanti della cittadina, basterà  digitare nel proprio stato di Facebook la frase «Facebook errata corrige: Polla, provincia di Salerno, regione Campania (NO BASILICATA)». Gli organizzatori sperano in questo modo finalmente di vedere Polla localizzata nella regione giusta. Altrimenti tutti gli utenti pollesi, disorientati, potranno optare, come spesso già accade, di indicare come propria città una qualsiasi altra Polla, il social network infatti ne indica una decina sparse tra Bangladesh, Messico e Austria ma non in Campania.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019