Il premio Aniello De Vita diventa itinerante: a ottobre tappa a Laurino

Infante viaggi

Il premio intitolato al maestro Aniello De Vita e dedicato alle eccellenze del Cilento diventa un appuntamento  itinerante che farà tappa a cadenza mensile in diverse località a Sud di Salerno. Lo ha annunciato Carlo Sacchi, ideatore del riconoscimento e direttore artistico di “PioppInsieme”, nel corso dell’ultima serata della rassegna che si è svolta sabato scorso 31 agosto nel Castello Vinciprova a Pioppi con un ottimo riscontro di pubblico e di critica. Il merito è anche della coordinatrice culturale Diana Nese che ha dato continuazione e significato a tutte le serate, presentandole in modo magistrale.

L’evento ha visto l’istituzione del premio Aniello De Vita e la consegna dei primi quattro riconoscimenti a Peppino De Vita, fratello del compianto medico-cantore, che si è dimostrato superlativo nella recitazione delle proprie poesie, a Mario Romano per l’arte pittorica, a Pasquale La Palomenta  per l’arte botanica e a Dino Baldi, direttore del mensile “Cronache cilentane”. Quest’ultimo ha messo a disposizione una pagina del periodo, per riportare ogni mese il resoconto della manifestazione e presentare i premiati di ciascuna tappa. Il  prossimo appuntamento del premio De Vita si terrà, dunque, a  Laurino nel mese di ottobre. Anche in questo caso i riconoscimenti saranno attribuiti a quattro cilentani che si sono distinti nel proprio campo di attività. Le tappe proseguiranno fino alla prossima estate, in una grande manifestazione cui parteciperanno le quaranta eccellenze individuate sul territorio.

  • assicurazioni assitur

Protagonista della serata evento di sabato è stato anche Antonino Nese, che si è rivelato un frizzante presentatore e assieme a Pantaleo Tortorella ha dato vita a esilaranti piece teatrali. A toccare le corde più profonde dell’animo sono stati, invece, le interpretazioni di Pasquale Curcio, geniale chitarrista e compositore, e di Carmine Veneroso al piano con il bravissimo Alessandro D’Elia, di soli tredici anni, allievo tenore del maestro Santina De Vita. Al più giovane è stata affidata la chiusura dell’evento con l’inno cilentano “So’ nato a lu Ciliento e me ne vanto” di Aniello De Vita. In seconda serata ci ha pensato, infine, il cantante napoletano Luca Nastri a mandare in visibilio il pubblico pioppese.
Soddisfatti della riuscita della kermesse “PioppInsieme” i commercianti, gli operatori turistici e gli albergatori: dopo l’entusiasmante esperienza di quest’anno hanno deciso di costituire un’associazione per continuare a promuovere Pioppi nei mesi di luglio, agosto e settembre, sempre con la direzione artistica di Carlo Sacchi.

assicurazioni assitur