Rivolta scissionisti: «Regione napolicentrista: Cilento fuori dalla Campania»

Infante viaggi

E’ una voce nuova, ma possente e che ha già raccolto molti consensi. Stiamo parlando del gruppo ‘Movimento separatista Cilento libero’ che su Facebook ha creato il gruppo con l’omonimo nome per dire «no» alla Regione Campania. Il malumore è straripato dopo la chiusura definitiva dell’ospedale di Agropoli, ma i ”rivoluzionari” non protestano solo per questo motivo. Al centro ci sarebbe il fatto che «i politici regionali campania soffrono di napolicentrismo». Sono proprio loro a finire sul banco degli imputati dei cittadini stanchi della situazione attuale del territorio. Sul gruppo già si parla di una raccolta firme per chiedere un eventuale referendum che modifichi la Costituzione e renda autonomo il Cilento.

«Ormai appare evidente – si legge sul gruppo Facebook ‘Movimento separatista Cilento’ – che il nostro territorio sia sempre più isolato. Il colmo è stato raggiunto proprio con la chiusura dell’ospedale che ha fatto traboccare il vaso e acuito i sentimenti, mai sopiti, di indipendenza del Cilento rispetto al mostro tentacolare e clientelare della regione Campania. Basti pensare a quanti disagi irrisolti avvertiamo nel territorio a sud della Regione, come la pessima condizione in cui versano alcune importanti vie di collegamento, le limitazioni dei trasporti su rotaie e il mancato rinnovo del Metrò del Mare che questa estate ha danneggiato considerevolmente il turismo delle aree costiere». «La regione Campania – accusano gli scissionisti – è troppo concentrata su Napoli e i comuni limitrofi che ovviamente costituiscono un importante bacino di voti».

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

  • assicurazioni assitur
  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro