Camerota, una fiaccolata per ricordare Simone Pandolfi: 21enne morto dopo notte in discoteca

E’ passato più di un mese dalla morte di Simone Pandolfi. Il giovane di 21 anni è deceduto in ambulanza dopo essersi sentito male in strada a Marina di Camerota. Secondo le testimonianze raccolte dagli inquirenti e secondo il racconto depositato dal giovane che era con Simone, i due avrebbero trascorso la notte tra sabato 30 e domenica 31 agosto all’interno della discoteca ‘Il Ciclope’. Non si sa cosa abbia causato l’edema polmonare che ha stroncato il giovanissimo. Non si sa se i due hanno assunto droga e alcol all’interno del locale. Fatto sta che la famiglia è in cerca di verità e sul caso sono a lavoro i carabinieri della stazione di Camerota. Al vaglio degli inquirenti non ci sarebbero molte prove e i militari sono orientati sulla pista della malasanità. Infatti Simone è morto durante il trasbordo da una ambulanza non medicalizzata, la prima che è intervenuta domenica mattina quando due persone del posto hanno ritrovato il 21enne di Monteforte Irpino accasciato a terra, e una medicalizzata sullo stradone che costeggia la spiaggia del Mingardo. I genitori di Simone erano già stati a Marina di Camerota qualche giorno fa per ringraziare la donna e l’avvocato che hanno prestato i primi soccorsi al giovane e in quell’occasione hanno depositato una orchidea in via Comite, proprio dove Simone ha cominciato ad avvertire i primi sintomi. Oggi, domenica, alle 19 nella chiesa Sant’Alfonso di piazza San Domenico a Marina di Camerota, si terrà una messa per ricordare Simone. Ci saranno i familiari e il parroco don Gianni Citro. Dopo la messa una fiaccolata si snoderà per le vie del paese. Intanto gli inquirenti sono in attesa dell’esito degli esami tossicologici per capire se l’edema polmonare è stato provocato oppure no da un abuso di alcol e droga. 

©Riproduzione riservata