Trovato neonato morto sulla spiaggia tra Eboli e Capaccio

Infante viaggi

Il corpo di una neonata, ancora con il cordone ombelicale e ricoperta di alghe, è stato rinvenuto sulla spiaggia di località Campolongo tra Capaccio e Eboli. A dare l’allarme un uomo che passeggiava sulla battigia, che ha subito allertato il 112. Il fatto è avvenuto nel tardo pomeriggio di martedì alle porte del Cilento. I carabinieri della locale compagnia, diretti dal capitano Alessandro Cisternino, hanno effettuato i primi rilievi ed avviato le indagini. Numerose le ipotesi al vaglio del magistrato: per il pm della procura della Repubblica di Salerno, il cadavere potrebbe essere stato abbandonato sul posto o gettato in acqua dalla madre, subito dopo il parto, o trasportato sulla costa dalle correnti o dal fiume Sele che in quell’area sfocia nel Tirreno. Gli inquirenti tengono conto anche del fatto che il posto è frequentato da prostitute.

Il corpicino è stato portato all’obitorio dell’ospedale di Eboli. Il cadavere è apparso ai sanitari in uno stato tale da far presumere che sia stato in acqua per alcuni giorni, almeno da più di 24 ore. Sarà comunque l’esame autoptico, disposto dal magistrato di turno, a fare luce sulle cause e sui tempi del decesso. La neonata potrebbe, dalla carnagione, non essere di nazionalità italiana. Sono tutte ipotesi per il momento.

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Lido Urlamare Palinuro