• Home
  • Cronaca
  • Ispani, ancora minacce al sindaco e alla moglie: «Dimettiti entro il 12 giugno». Gli inquirenti: «Inutile la scorta»

Ispani, ancora minacce al sindaco e alla moglie: «Dimettiti entro il 12 giugno». Gli inquirenti: «Inutile la scorta»

di Luigi Martino

Ancora minacce per il sindaco di Ispani e sua moglie. Arriva l’ultimatum degli ignoti che invitano il sindaco a dimettersi entro una data stabilita nella lettera. Mercoledì mattina una donna per strada ha ritrovato due biglietti sui quali ci sono scritte frasi intimidatorie all’indirizzo del primo cittadino Edmondo Iannicelli e di sua moglie Marilinda Martino. La moglie del primo cittadino è anche consigliere di maggioranza ad Ispani.

Il fatto Sul biglietto si legge una data ben precisa entro la quale sindaco e moglie dovrebbe lasciare la poltrona del consiglio comunale: 12 giugno. Questa data per il comune del golfo di Policastro indica la vigilia della festa di Sant’Antonio, patrono del centro cilentano. Sono stati già allertati i carabinieri della locale stazione che non hanno esitato ad interrogare la persona che per prima ha raccolto i fogli in strada. E’ logico che se nessuno si fosse fermato a raccogliere i ‘pizzini’, molto probabilmente non sarebbero mai arrivati nelle mani della famiglia Iannicelli. Intanto gli inquirenti fanno sapere che «non è necessaria la scorta per il primo cittadino e la moglie» e, sempre secondo chi indaga sul caso, «gli emittenti di queste minacce potrebbero essere in disaccordo con l’operato dell’amministrazione e per questo motivo vogliono a tutti i costi le dimissioni del sindaco». Sono solo ipotesi, per il momento.

Ispani, minacce all’amministrazione: recapitata una pseudo-cartuccia

Altro episodio Nelle scorse settimane le minacce all’amministrazione comunale sono state fatte recapitare in municipio con un plico postale dentro il quale c’era anche un accendino a forma di cartuccia da caccia. Prima ancora sui muri cittadini oltre alle frasi minacciose è comparsa una stella a cinque punte. In ogni caso Iannicelli non intende presentare le dimissioni e spiega: «Io e mia moglie restiamo dove siamo perché stiamo amministrando nella legalità».

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019