Addio ufficiale al Metrò del Mare, Valiante: «Turismo nel Cilento a secco e senza prospettive»

«E’ intollerabile che la Regione Campania blocchi nel bel mezzo della stagione estiva il trasporto marittimo che interessa le principali località costiere del Cilento e le isole nei golfi di Napoli e Salerno». Commenta così Simone Valiante, deputato salernitano del Partito democratico, la notizia dell’interruzione del servizio del Metrò del Mare nel Cilento. Dopo tredici anni di onorata carriera, gli aliscafi ed i traghetti del Consorzio del Metrò del Mare non attraccheranno nei porti cilentani di Agropoli, San Marco di Castellabate, Acciaroli, Casal Velino, Marina di Camerota, Palinuro e Sapri. «Questo disagio non è nuovo e la mancanza di fondi e di politiche di promozione turistica da parte della regione – aggiunge Valiante – sono l’ennesimo duro colpo ad un’offerta turistica locale impoverita, ad un’immagine turistica del territorio fortemente danneggiata, all’assenza di alternative efficaci per pendolari e turisti. Più saggiamente, contenere parte dei finanziamenti per un evento di importanza relativa come quello della Coppa America di vela – continua – sarebbe servito ora a garantire un servizio atteso e un beneficio di immagine più duraturo. La marcata vocazione turistica dei luoghi e i danni economici, occupazionali e d’immagine della sospensione del trasporto impongono che la regione metta in campo da subito tutte le iniziative per trovare adeguati finanziamenti. Da parte mia ho già investito i ministri competenti presentando un’interrogazione per chiedere, altrettanto urgentemente, un loro intervento», conclude Valiante.

©Riproduzione riservata