Cilento, falso allarme deposizione uova tartaruga a Camerota: «Non ha trovato condizioni adatte»

E’ incredibile come le previsioni degli esperti dell’acquario zoologico Anton Dhorn di Napoli si siano verificate: «Il Cilento è diventata una delle mete preferite della Caretta Caretta per nidificare». E così, a distanza di quindici giorni, mamma tartaruga ha deposto decine di uova ancora sulla spiaggia del Mingardo. Questa volta nel tratto di spiaggia libero tra il lido Penelope e il lido Viottolo, qualche chilometro più in la, verso il fiume Mingardo, rispetto a quello ritrovato nella notte tra il 20 e il 21 giugno.

Sono le 7:15 più o meno quando una volontaria di Buonabitacolo, insieme a un amico di Pistoia, scopre il nuovo nido. Una scoperta anticipata da una curiosità, il ritrovamento sulla spiaggia di una tartaruga bianca di plastica poco prima di quella reale. La volontaria valdianese era lì per monitorare l’altro nido, e proprio durante un controllo notturno ha notato delle tracce sulla spiaggia. Poi il rinvenimento, la folla di curiosi e l’allestimento del recinto, da parte dei proprietari del lido e dei ragazzi, con paletti e canne di bambù raccolte in spiaggia. Sul posto, in attesa dell’arrivo degli esperti della stazione zoologica di Napoli, ci sono Raffaele Espoisto, dell’associazione Balneri, Ciro Troccoli, consigliere comunale con delega all’Ambiente e gli uomini della Capitaneria per un sopralluogo. 

Il consigliere comunale ha poi spiegato che si è trattato di un tentativo di deposizione. In pratica la tartaruga avvistata stanotte non ha nidificato, ma potrebbe farlo a breve. Secondo gli esperti della stazione zoologica A. Dohrn di Napoli, giunti pochi minuti fa sul posto, la tartaruga avrebbe tentato di creare il nido ma le condizioni non sarebbero state favorevoli, forse per il sottosabbia troppo duro. Intanto Comune e volontari sono già al lavoro per organizzare il presidio perché la femmina di tartaruga sarebbe ancora di fronte alla costa di marina di Camerota e potrebbe ritentare gia stanotte.

©Riproduzione riservata