• Home
  • Cronaca
  • Centola, negozi e case rubano l’acqua: 5 denunciati

Centola, negozi e case rubano l’acqua: 5 denunciati

di Luigi Martino

I carabinieri della stazione di Centola-Palinuro, agli ordini del maresciallo Giuseppe Sanzone, hanno eseguito un azione di controllo per contrastare i furti di acqua. L’obiettivo è quello di accertare eventuali allacci abusivi sulle reti idriche e garantire pari condizioni di trattamento a tutti gli utenti, tutelando la risorsa idrica da utilizzi non autorizzati. L’allacciamento abusivo alla rete idrica ed il furto d’acqua sono illeciti penali e costituiscono, infatti, un’evidente ingiustizia nei confronti dei cittadini/utenti che pagano regolarmente le bollette. Nell’ambito di tali attività sono state riscontrate fraudolente forniture di acqua. L’operazione ha permesso di identificare cinque persone, del posto, che, per circa due anni, hanno rifornito di acqua potabile le proprie attività commerciali e le proprie abitazioni, dopo essersi allacciati abusivamente alla condotta idrica della Consac. Sono state tutte denunciate dai carabinieri all’autorità giudiziaria.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019