Padula, 10 persone indagate per abuso d’ufficio e falso ideologico: c’è anche il sindaco

Dieci persone dell’ex giunta comunale di Padula sono indagate per abuso di ufficio e falso ideologico. Le indagini sono della procura di Lagonegro e i soggetti, a vario titolo, dovranno rispondere di questi due reati. Sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti sono finiti i politici della giunta comunale precedente a quella in carica. Indagato, però, anche il primo cittadino attuale, Paolo Imparato, all’epoca dei fatti vicesindaco, ma anche Giovanni Alliegro e Michela Cimino e Vincenzo Polito, che ricoprivano la carica di assessori. Nel calderone delle indagini sono finiti, oltre agli amministratori, il progettista di un’opera edile realizzata da un privato, il titolare di una nota attività commerciale di abbigliamento ed alcuni tecnici. Le indagini sono partite nel 2011 grazie alla denuncia di un cittadino di Padula che ai carabinieri ha chiesto chiarezza riguardo la burocrazia dei lavori di uno stabile. Circa una settimana fa i militari della locale stazione hanno sequestrato, su disposizione del gip, un negozio di abbigliamento a Padula e, nello stesso tempo, hanno notificato gli avvisi di conclusione delle indagini alle dieci persone iscritte nel registro degli indagati.

©Riproduzione riservata
Twitter @martinoluigi92