• Home
  • Cronaca
  • Legambiente è in cerca delle 10 spiagge più affascinanti d’Italia: Camerota candida ‘Cala Bianca’

Legambiente è in cerca delle 10 spiagge più affascinanti d’Italia: Camerota candida ‘Cala Bianca’

di Luigi Martino

L’Italia è una penisola ricca di spiagge. Da nord a sud sono migliaia i chilometri dove i turisti sostano per la tintarella estiva e i tuffi nelle acque del Mediterraneo. Legambiente lancia un concorso per decretare le dieci spiagge più affascinanti d’Italia. ‘La più bella sei tu’, è questo il nome dell’iniziativa. Il comune di Camerota non si è fatta scappare l’opportunità e ha deciso di candidare una spiaggia del territorio: Cala Bianca. Una spiaggetta caratterizzata dal colore della sabbia e delle pietre, appunto tutte bianche, e del paesaggio. La Cala è immersa nella natura selvaggia, nell’area marina protetta ‘Costa degli Infreschi e della Masseta’. 

Per votare la spiaggia cilentana basta collegarsi al sito web www.legambiente.it/lapiubella. Per essere sempre aggiornato sull’iniziativa segui la pagina Facebook ‘La più bella sei tu! Votiamo la spiaggia ‘Cala Bianca’.

 ©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019