Chiusura Saut Gioi, Valiante: «Regione intervieni»

Infante viaggi

Il nuovo piano di emergenza-urgenza proposto dall’Asl di Salerno espone a rischi gravissimi i cittadini delle comunità di una parte del Cilento e della valle del Calore. La sopressione dei Saut di Gioi Cilento e di Bellosguardo, confermata in commissione sanità dal direttore dell’Asl nonostante le argomentazioni «a contrario» dei consiglieri regionali e dei sindaci di quelle comunità, è un provvedimento che espone i cittadini dei comuni interni al pericolo prevedendo la nuova organizzazione un sistema di trasporto infermi affidato esclusivamente ad ambulanze non medicalizzate ossia sprovviste di medici a bordo.
 
«Si colpisce ancora un territorio già mortificato – sostiene il consigliere regionale del Pd Gianfranco Valiante – con un altro taglio di servizi essenziali, peraltro senza alcun risparmio per le casse della sanitaà campana: la vigente organizzazione utilizza, per i Saut in questione, medici già in organico e strutture concesse in comodato gratuito all’Asl dai comuni di Gioi e Bellosguardo. La conformazione orografica ed il critico assetto viario di quel territorio non consentirebbero, se la proposta organizzativa dell’asl di salerno venisse approvata in regione, un soccorso nei tempi necessari con ambulanze sprovviste di personale medico». Il consigliere regionale conclude: «Attesa la persistente ostinazione del direttore generale dell’Asl circa la richiesta modifica dell’atto di soppressione dei Saut, peraltro adottato in difformità delle linee guida e del decreto 49/2010,  – afferma ancora –  investiremo la Regione confidando in un rinnovato provvedimento equo e responsabile».

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur