Omicidio Vallo della Lucania, vittima una donna straniera: è giallo

Infante viaggi

Assume sempre di più i contorni di un giallo l’omicidio scoperto questa mattina a Vallo della Lucania. Tra la cittadina cilentana e Vallo Scalo, un uomo mentre passeggiava ha notato il corpo senza vita di una donna che penzolava tra la vegetazione. Siamo in località Fiume, sulla stradina che costeggia gli svincoli dei due paesi dell’entroterra. Il passante ha allertato il 112. Sul posto si sono precipitati i carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania, agli ordini del capitano Alessandro Starace, e i Ris della scientifica di Salerno. E’ stato contattato il magistrato di turno della procura del tribunale di Vallo della Lucania, Alfredo Greco, che ha raggiunto il luogo del ritrovamento insieme al medico legale Adamo Maiese.

Il ritrovamento Si tratta di una donna originaria della Bulgaria di 48 anni, residente a Castelnuovo Cilento, ma che lavaorava a Policastro Bussentino come badante. Il corpo è stato ritrovato tra la vegetazione che costeggia la strada. Il capo incastrato tra i rami e i piedi a penzoloni non toccavano il suolo. Questo è un primo indizio al vaglio delle forze dell’ordine che fa pensare si possa trattare di omicidio. Infatti, il corpo pare sia stato nascosto in quel punto. Appare improbabile invece  che la malcapitata abbia potuto accusare un malore e ritrovarsi in quella posizione. Sul volto e sulla gola della vittima altri indizi, già valutati dal medico legale. Ci sarebbero segni che potrebbero essere di strangolamento mentre il volto è tumefatto. Gli inquirenti stanno cercando di capire se il luogo di un probabile delitto corrisponde con il luogo del ritrovamento. Se ciò non fosse, l’aggressore dovrà rispondere di omicidio e di occultamento del cadavere. Restano comunque due ipotesi al vaglio di chi indaga.

Prima ipotesi La prima, quella più accreditata, è la più drammatica. Secondo una prima ricostruzione è possibile che la donna straniera possa essere stata uccisa volontariamente con le mani del killer strette alla gola. L’aggressore, poi, avrebbe preso il corpo senza vita e lo avrebbe nascosto in quella zona. Al momento non sono ipotizzabili le cause. Ma gli inquirenti non escludono un delitto passionale o vicende che potrebbero avere a che fare col la prostituzione. Tutte ipotesi per il momento, nessuna delle quali suffragata da indizi robusti.

Seconda ipotesi C’è un secondo quadro costruito dalla procura con l’aiuto dei carabinieri, ma a differenza del primo mancano troppi pezzi per avvalorare questa tesi. Chi indaga non esclude che la donna possa essere stata investita da un’auto pirata e il corpo, in un secondo momento, nascosto tra i cespugli a bordo della strada. Di notte quella zona è poco illuminata e frequentata da stranieri. Una prima analisi dei segni trovati sul corpo, accredita maggiormente l’ipotesi del delitto.

Per consentire i rilievi e l’esame del cadavere i carabinieri hanno chiuso il tratto di Cilentana tra i due svincoli, deviando il traffico.

  • Vea ricambi Bellizzi

Aggiornamento ore 18: Per quanto risulta al Giornale del Cilento sarebbe stato fermato il marito della donna che in queste ore viene interrogato dal procuratore sull’omicidio della donna.

©Riproduzione riservata

©Foto Set Tv. La riproduzione è vietata

Articoli correlati: Giallo a Vallo della Lucania: scoperto cadavere di donna

  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido La Torre Palinuro
  • Lido Urlamare Palinuro
  • assicurazioni assitur