Agropoli, pesce detenuto illegalmente: maxi sequestro al porto. Denunciati i titolari

La guardia di finanza in collaborazione con l’Asl e i militari della sezione operativa navale di Salerno, nell’ambito di un blitz mirato a controllare lo stato di conservazione e vendita del pesce, hanno sequestrato nelle pescherie e al porto di Agropoli, oltre due quintali di prodotti ittici detenuti illegalmente per la vendita considerati due motivi di fondo: la misura e la conservazione.

I controlli sono stati disposti dal reparto operativo areonavale di Napoli, mirati a carico di numerosi esercizi commerciali e diverse iimbarcazioni da pesca. All’interno di una pescheria del centro sono stati ritrovati alcuni esemplari di pesce spada novello, non vendibili al pubblico perchè sottomisura. Il prodotto è stato sequestrato e devoluto in beneficenza. I proprietari della pescheria sono stati interrogati e denunciati. All’interno della seconda pescheria sono state rinvenute numerose cassette di pesce conservato in malo modo e che quindi potevano risultare dannosi per la salute dell’acquirente. Tutta la merce sequestrata è stata distrutta e i due titolari dell’esercizio commerciali sono stati denunciati.

©Riproduzione riservata