Il depuratore di Capaccio Paestum funziona alla perfezione, lo comunica il sindaco Voza

«In rispetto della verità e della professionalità e serietà delle persone che lavorano alla Paistom, che ha in gestione l’impianto di depurazione e le pompe di sollevamento del nostro comune, ribadisco che il depuratore funziona bene e che tutte le analisi delle acque in uscita, sia quelle obbligatorie (ARPAC, NOE etc.) che quelle che la Paistom esegue volontariamente e con continuità  con affidamento al dottor Valerio Desiderio, hanno sempre dato, anche nei giorni scorsi, una qualità eccellente, provata anche dai dati del Ministero Salute e dell’Arpac che tutti possono trovare sul sito. – afferma il direttore della Pistom, Rosario Catarozzi – La spiegazione è che si tratta di una bassa e pretestuosa polemica che colpisce solo Capaccio Paestum, il suo mare, i suoi lidi, le sue imprese e le tante famiglie che vivono di turismo.
Anche questi giornalisti che dovrebbero almeno avere la correttezza professionale di ricercare la verità prima di pubblicare notizie infondate e pretestuose hanno la responsabilità di danneggiare l‘immagine del nostro paese e la vita economica del suo comparto più importante.
E spesso mi chiedo cosa e chi c’è dietro un linea editoriale che non fa
altro che attaccare Capaccio Paestum, il suo territorio e le sue imprese. Lunedì provvederò a denunciare i fatti alla Procura della Repubblica di Salerno per il procurato allarme sociale ed invito sia l’amministrazione comunale che tutti gli
imprenditori dei lidi, degli alberghi, dei ristoranti e dei campeggi a fare altrettanto ».
«Posso affermare con estrema tranquillità e sicurezza, dati alla mano, che le acque che bagnano il nostro litorale sono sicure sotto ogni
aspetto, inquinamento compreso. – afferma il consigliere delegato alla fascia costiera Maurizio Paolillo – Tutte le analisi prodotte dall’Arpac, nonché quelle commissionate dal Comune, hanno dato esiti sempre positivi. Nessuno dei campioni da noi prelevati ha dato risultati fuori norma. Il nostro depuratore funziona perfettamente e viene verificato periodicamente non solo da  professionisti ma anche dai carabinieri del Noe. Se qualcuno non si fida dei nostri dati credo che non possa mettere in dubbio i dati dei carabinieri! Ogni mattina pubblico foto del nostro mare che è splendido.
Per gli episodi di chiazze di microalghe verificatesi sulla costa preciso che, come confermato da una nota dell’ASL pervenuta al nostro Ente dopo segnalazioni della Guardia Costiera, esse sono state  riscontrate non solo a Capaccio, ma su tutta la costa a Sud di Salerno comprese note località Bandiera Blu (San Mauro Cilento, Castellabate, Agropoli ecc). Le microalghe in questione si accumulano sotto costa a causa della brezza termica e si presentano (nota Asl) con colorazione verdino/giallognola, schiuma in superficie, masse gelatinose e odore sgradevole. Nei banchi si incagliano vari detriti soprattutto in plastica provenienti dai fondali marini del Mediterraneo che, vi ricordo, non bagnano solo Capaccio ma anche le coste dalla Spagna alla Turchia e quindi tali detriti potrebbero venire da qualsiasi parte. Per tranquillizzare tutti, vi informo che i nostri prelievi sono stati fatti al centro delle chiazze e nessuno di essi ha dato valori fuori norma a conferma che non si tratta di scarichi. Una prova semplicissima per confermare la presenza di alghe può essere fatta da chiunque. Basta prelevare un campione riempiendo una bottiglia in plastica ed attendere qualche ora. Se sul fondo si trova uno strato verde la conferma è palese. Lavoriamo ogni giorno insieme a guardie ambientali, polizia locale, guardia costiera e società di salvamento per garantire una buona permanenza ai nostri turisti».
«L’amministrazione comunale di Capaccio Paestum informa la cittadinanza, i turisti e gli ospiti presenti sul nostro territorio che la costa pestana è assolutamente sicura e monitorata ogni giorno, anche e soprattutto dal punto di vista ambientale. Le analisi dell’ARPAC, condotte nell’ambito del costante monitoraggio sulle spiagge italiane, e quelle effettuate direttamente dall’ente locale confermano l’eccellenza delle acque ed il rispetto di ogni parametro di immissione per quanto concerne l’impianto di depurazione comunale sito in zona Varolato. – dice l’assessore all’Ambiente Eustachio Voza – L’eutrofizzazione che ha provocato un aumento della flora e delle microalghe presenti a sud del Golfo di Salerno, come certificato dall’ASL Salerno e confermato dalle nostre analisi, è un fenomeno innocuo. Naturalmente, ulteriori e stringenti controlli sulle acque superficiali sono quotidianamente condotti, ed ogni allarme ingiustificato colpisce  il nostro territorio e la nostra economia turistica. Al contrario, ogni contributo alla salvaguardia dell’ambiente che verrà da associazioni e cittadini è ben accetto ed auspicato, al contrario di inutili quanto infondati allarmi ambientali».
Conclude in sindaco di Capaccio Paestum Italo Voza: «L’amministrazione di Capaccio Paestum pone grande attenzione alla salvaguardia ed al monitoraggio ambientale, poiché la sicurezza di cittadini e turisti viene sempre al primo posto e gli esiti di ogni
analisi ed accertamento condotto tranquillizzano circa la assoluta qualità delle acque. Le tante richiesta di informazioni da parte di cittadini e proteste da parte degli operatori del settore sono ulteriore pungolo ma non possono minare le certezze che derivano dai riscontri scientifici e dal quotidiano lavoro dell’assessorato all’ambiente e degli addetti. Rispetto ai procurati allarmi sociali ed ambientali in questione, tuttavia, l’amministrazione valuterà se esistono profili di rilevanza penale per perseguire il deprecabile atteggiamento di colpire ingiustificatamente il nostro territorio, date le decine di telefonate d’indignazione ricevute da tanti onesti e laboriosi operatori
turistico-balneari».