Terremoto 1980, arrivano fondi dalla Regione: anche Roccadaspide tra i beneficiari

Infante viaggi

Sono trascorsi oltre trent’anni dal disastroso terremoto dell’Irpinia, sisma che si verificò il 23 novembre 1980 e che colpì la Campania centrale e la Basilicata centro settentrionale. L’evento sismico fu di magnitudo 6,9, decimo grado della scala Mercalli, con epicentro tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza, e Conza della Campania. Il terremoto causò circa 280.000 sfollati, 8.848 feriti e 2.914 morti. 

Oggi torniamo a riparlarne perchè adesso, finalmente, Roccadaspide potrà provvedere alla ricostruzione. Il Comune cilentano, infatti, sarà tra coloro che riceveranno fondi. Al Comune saranno accreditati, quindi, circa 300mila euro dalla Regione Campania sulla scorta di un decreto legge ministeriale. Dopo quasi 33 anni dal violento sisma del 23 novembre sono ancora numerosi, in effetti, gli interventi di ristrutturazione da portare a compimento. 

  • assicurazioni assitur

Il finanziamento è stato deliberato con un decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che approva la proposta di ripartizione dei fondi a favore della Regione Campania per il proseguimento della ricostruzione nei comuni colpiti dal sisma del novembre 1980 e del febbraio 1981. Adesso toccherà all’amministrazione comunale, retta da Girolamo Auricchio procedere all’utilizzo dei fondi ma sembra che il consiglio comunale abbia già deliberato in merito a una loro ripartizione destinata in maggioranza all’edilizia privata (250.500,00 euro pari al 83,5% del totale) mentre il restante sarà utilizzato in opere di urbanizzazione.

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro