Capaccio, sigilli a discarica abusiva nei pressi di una scuola elementare: denunciato proprietario terriero

Infante viaggi

A poche centinaia di metri dall’area archeologica di Paestum il comando provinciale della forestale foce Sele ha scoperto un terreno diventato ormai un immondezzaio. Gli uomini della forestale, al comando di Marta Santoro, hanno agito dopo le proteste dei residenti che lamentavano da giorni la presenza di cumuli di spazzatura che emanavano oltrettutto una forte puzza.

Nella piccola discarica a cielo aperto, nei pressi della scuola elementare in località Licinella, i militari della forestale hanno rinvenuto diverse di tipologie di rifiuti: materiali provenienti da demolizioni di edifici, materiali ferrosi scaricati senza autorizzazione, sacchetti dell’immondizia ed altri rifiuti di vario genere. Inoltre nella zona interessata e posta sotto sequestro, l’abbandono era totale: l’erba alta minacciava i muri del plesso e il rischio d’incendio era alto. La denuncia alla Procura di Salerno  per inquinamento ambientale è stata notificata a G.L., proprietario del terreno. L’uomo risponde all’autorità giudiziaria anche di non aver ottemperato alle diverse ordinanze emesse dal Comune di ripristino dello stato dei luoghi con la bonifica e rimozione dei rifiuti speciali non pericolosi sversati illegalmente nel sito. In qualità di proprietario del terreno ha l’obbligo di custodire lo stesso ed evitare che possa essere utilizzato per lo scarico di spazzatura. Il proprietario infatti,  dovrà provvedere anche alla recinzione del terreno al fine di evitare che siano  scaricati nello stesso altri rifiuti.

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • assicurazioni assitur