Originario di Capaccio arrestato a Sassuolo dopo una fuga dai domiciliari

Condannato ai domiciliari, aveva ottenuto il permesso di assentarsi da casa per seguire un corso scolastico. Ma ieri sera non è rientrato a casa fino all’una di notte. Quando nel suo salotto ha trovato i carabinieri ad attenderlo, ha tentato di giustificarsi: “Mi sono attardato al ristorante”. Ma i militari lo hanno trasportato in caserma e per il reato di evasione lo hanno arrestato. Raffaele Zerenga residente a Casalgrande ma originario di Capaccio ha ottenuto i domiciliari con la possibilità di assentarsi al mattino dopo che fu arrestato nel 2011 per rapina. Aveva chiesto un permesso per andare a lavorare e la sera sino alle 22 per andare a frequentare un corso scolastico.
I fatti.                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Armi in pugno e volto travisato aveva rapinato la Coop di Sassuolo, in provincia di Modena, insieme a un complice. I due si erano impossessati di oltre 10mila euro in contanti e di un centinaio di ricariche telefoniche per un controvalore di oltre 12mila euro.                                                                                                                                                                                                                                                                        La fuga.                                                                                                                                                                                                                                                                                                              i rapinatori scapparono a bordo di uno scooter grigio, ma la fuga terminò Casalgrande, dove una pattuglia dei carabinieri di Reggio Emilia li aveva intercettati e bloccati. In manette la sera, del 12 aprile 2011, con l’accusa di rapina aggravata in concorso finirono quindi, Raffaele Zerenga, 40enne residente a Casalgrande e Paride Astorre, 53enne residente a Brescia, entrambi originari di Capaccio, i due erano già noti ai carabinieri del luogo,  i due furono trovati ancora in possesso della refurtiva e delle due pistole.                                                                                                                                       
L’arresto.                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Ieri, poco dopo le 22,30, i carabinieri della Stazione di Casalgrande recatisi a casa dell’uomo hanno trovato solo la compagna che ha spiegato che Raffaele non era ancora rientrato. Essendo di gran lunga trascorso il termine per poter stare fuori di casa, i militari hanno atteso l’uomo che poco dopo l’una ha fatto ritorno a casa. Questa la giustificazione fornita dal 40enne che ovviamente non è stata considerata circostanza esimente della condotta delittuosa. Condotto in caserma è stato arrestato per evasione.
© Riproduzione riservata