Agropoli, spiaggia invasa dalle alghe: parte la rimozione

Il problema è annoso e dopo vari sopralluoghi e tavoli di lavoro, il comune di Agropoli ha avviato la rimozione del cumulo di alghe che si forma sulla spiaggia della Marina ai piedi della Rupe. Il problema è stato sottolineato più volte anche dai residenti che denunciavano il cattivo odore emesso dai vegetali marini e la presenza di insetti e topi. Ora gli operai dovranno spostare le alghe sul lato est della spiaggia ed entro maggio, si spera, verranno rimosse. Per rimuoverle si sta già pensando ad una ditta specializzata o ad un sito di stoccaggio. «La prima operazione per liberare l’arenile della Marina dalle alghe – spiega l’assessore al porto e demanio Massimo La Porta al quotidiano ‘La Città’ – consiste nell’essiccamento della posidonia. Le alghe verranno accantonate a un lato della spiaggia, dove resteranno circa 20 giorni per favorirne la perdita d’acqua. Quindi si procederà al loro smaltimento. Vogliamo limitare al massimo la spesa, essendo anche noi cittadini, prima che amministratori». «L’opzione meno onerosa sarebbe quella di conferire le alghe all’impianto ebolitano – spiega sempre al quotidiano ‘La Città’ il sindaco di Agropoli Franco Alfieri – In questo caso, a nostro carico ci sarebbe solo il costo del trasporto. In proposito, l’azienda ebolitana ha chiesto 7 giorni di tempo per caratterizzare il materiale e capire se può riceverlo. In alternativa, c’è l’ipotesi di portare la posidonia in un sito di stoccaggio specifico, con un costo che si aggira intorno ai 100mila euro».

©Riproduzione riservata
Twitter @martinoluigi92