Morigerati, tavola rotonda su esperienze turistiche: «E’ territorio d’eccellenza» (FOTO)

Infante viaggi

«Spesso si pensa alla quantità e non alla qualità, la debolezza demografica non può e non deve diventare un problema. C’è un patrimonio da alimentare e un Comune vale perché custode dell’ambiente e della natura». Ha salutato così i presenti il vescovo della diocesi di Teggiano-Policastro, Antonio De Luca, intervenuto, fra gli altri, al convegno dal titolo «Coltiviamo il futuro, dalla ricerca dei prodotti di qualità all’ospitalità diffusa», che si è svolto sabato 12 e domenica 13 ottobre nel Centro Sociale di Morigerati, fresco di inaugurazione.

«Un territorio di eccellenza, un’amministrazione comunale che ha saputo investire su un turismo interno vincente e sostenibile, partendo dall’idea dell’ospitalità diffusa, dalla sostenibilità del paesaggio, fino alla realizzazione di un vigneto, in collaborazione con Bruno De Conciliis, dal quale verrà fuori un fiano biodinamico». Le parole di Luigi Nicolais, presidente del Consiglio nazionale delle Ricerche sulle iniziative dell’amministrazione di Morigerati hanno messo d’accordo tutte le personalità del mondo politico e istituzionale intervenute alla due giorni dedicata al borgo e alle sue nuove possibilità. Tra i presenti, oltre al sindaco di Morigerati, Cono D’Elia e al presidente del Cnr, anche Alfonso Andria, dell’Ept Salerno, Pietro Forte, presidente del Gal Casacastra, Simone Valiante, deputato, Pasquale Persico, docente all’università di Salerno e economista. Fra gli assenti, invece, Amilcare Troiano, presidente del Parco nazionale del Cilento.

Olio fai da te L’evento ha dato inoltre l’occasione all’amministrazione comunale di presentare l’iniziativa  Olio fai da te, che coniuga la progettualità dell’ospitalità diffusa del progetto Paeseambiente, con la fruizione diretta degli ospiti negli uliveti comunali per la raccolta delle olive. «Si tratta di un week-end – spiega D’Elia – da trascorrere nelle case in pietra del Paese Ambiente, si raccolgono le olive, si impara a produrre l’olio. E’ un modo per conoscere Morigerati». L’idea è della cooperativa Terra di Resilienza, che in primavera aveva lanciato anche un’altra iniziativa a prezzi anticrisi per i weekend di aprile, maggio e giugno. Due notti e tre giorni a Morigerati per imparare a coltivare l’orto, a molire il grano, fare il pane e la pasta.

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata

Info: Terra di Resilienza oppure Paese Ambiente

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Vea ricambi Bellizzi