• Home
  • Cronaca
  • Camerota, prelevano contanti dal bancomat rubato e scassinano sala giochi: due cugini nei guai

Camerota, prelevano contanti dal bancomat rubato e scassinano sala giochi: due cugini nei guai

di Luigi Martino

Nella mattinata di giovedì i carabinieri della stazione di Marina di Camerota, agli ordini del maresciallo Massimo Di Franco, hanno arrestato due cugini del posto con l’accusa di furto aggravato e continuato e furto in abitazione. Dopo un’intensa attività investigativa i militari hanno raccolto gli elementi utili per acciuffare i due.

I furti I fatti risalgono a pochi mesi fa quando nella notte tra il 9 e il 10 aprile il borgo cilentano venne scosso da una serie di furti. I carabinieri avviarono subito le indagini nella giusta direzione. Due i colpi in particolare: il primo venne messo a segno alla sala giochi ‘Zancale’ situata sul lungomare Trieste, il secondo al bar ‘Negroni’ nei pressi di un noto villaggio della zona. Dalla sala giochi i due cugini, Massimo D’Isabella 31 anni e Alessandro D’Isabella 20 anni, rubarono 500 euro in contanti scassinando la finestra del locale. Dal bar, invece, i ladri portarono via il bancomat del titolare. Fin qui i furti commessi sarebbero potuti passare per inosservati, ma i D’Isabella hanno commesso un errore.

L’indizio Nella stessa notte con il bancomat rubato dal bar ‘Negroni’ Alessandro e Massimo hanno prelevato da uno sportello bancario 750 euro. I carabinieri hanno analizzato i filmati delle telecamere di videosorveglianza della banca e sono riusciti a riconoscere i soggetti. I militari, in seguito, hanno anche perquisito le abitazioni e trovato la refurtiva e alcune tracce utili della commissione dei furti.

L’arresto All’alba di stamattina, giovedì, l’epilogo che, secondo i carabinieri, «ha riportato serenità e giustizia nel piccolo comune cilentano». Il gip del tribunale di Vallo della Lucania, su richiesta della procura, ha emesso le ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei due cugini di Marina di Camerota che sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

©

Articoli correlati: Marina di Camerota, furto con scasso alla sala giochi sul porto: indaga la scientifica

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019