Ruba i soldi all’amico, poi gli infila un cacciavite in un occhio: 17enne arrestato

Questa mattina, a Battipaglia, si è verificato un violentissimo litigio tra due giovani del posto, che coabitavano saltuariamente in una casa centrale della cittadina della Piana del Sele, vicino allo scalo ferroviario, scaturito per futili motivi verosimilmente riconducibili alla sparizione di alcune somme di danaro nascoste in un mobile dell’appartamento. Diversi cittadini, residente nelle vicinanze, richiamati dalle urla dei due, hanno allertato la centrale operativa della compagnia dei carabinieri di Battipaglia. Sul posto sono arrivate le forze dell’ordine.  Da una primissima ricostruzione dei fatti, i carabinieri hanno accertato che Mohamed Amine Lagrari, un pregiudicato di 17 anni marocchino ma residente a Battipaglia, sul quale gravava già un provvedimento di cattura perché allontanatosi arbitrariamente il 7 agosto scorso dal penitenziario minorile di Airola, in provincia di Benevento, dove si trovava associato per rapina pluriaggravata, nel corso dell’aggressione aveva colpito ripetutamente con calci e pugni Alfonso Pastore, 23enne di Battipaglia, attingendolo al culmine della lite ad un occhio con un cacciavite di medie dimensioni, dandosi poi alla fuga a bordo dell’autovettura di proprietà del ferito, al quale aveva sottratto in precedenza le chiavi, facendo perdere le proprie tracce.

Il ferito è stato soccorso da un’ambulanza del 118 ed è stato ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Battipaglia. I medici, però, viste le condizioni del giovane, hanno ordinato il trasferimento all’ospedale civile di Nocera Inferiore, dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico nel reparto di neurochirurgia. L’aggressore, però, non era stato ancora acciuffato. I militari hanno fatto scattare le ricerche e dopo qualche ora il marocchino è stato ritrovato ad Altavilla Silentina. Il giovane è stato ritrovato anche grazie al supporto dei cittadini che, notando un’auto che sfrecciava a folle velocità per le vie del centro abitato, hanno chiamato i carabinieri che hanno arrestato il ragazzo. Il 17enne è stato sottoposto a fermo di indiziato dei delitti di lesioni personali gravissime pluriaggravate e furto. Al ragazzo, inoltre, è stato anche notificato l’ordine di cattura emesso dal gip del tribunale per i minorenni di Salerno per la richiamata evasione. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato al carcere di Fuorni, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

©Riproduzione riservata