• Home
  • Cronaca
  • Maxi operazione antifrode nel Vallo di Diano, quattro società coinvolte: sequestrati immobili e denaro. Tre denunciati

Maxi operazione antifrode nel Vallo di Diano, quattro società coinvolte: sequestrati immobili e denaro. Tre denunciati

di Luigi Martino

La frode fiscale si aggira intorno al valore di 18 milioni e 700mila euro. Tre persone sono state denunciate alla procura della Repubblica di Sala Consilina. Questo è il bilancio generale dell’operazione condotta dalla guardia di finanza di Sala Consilina nell’ambito dei servizi di polizia economico-finanziaria per la repressione delle frodi fiscali e l’aggressione ai patrimoni illecitamente costituiti, che ha visto coinvolte quattro società di capitali, operanti nel Vallo di Diano nel settore del commercio all’ingrosso di generi alimentari.

Il metodo utilizzato Secondo quanto riportato dalla forze dell’ordine è stato accertato un particolare meccanismo di frode a carico dei tre imprenditori denunciati, uno di Atena Lucana e due dell’agro nocerino-sarnese. I tre, secondo gli inquirenti, avrebbero nascosto al fisco attraverso questo meccanismo la maggior parte dei soldi ricavati negli anni 2008 e 2009. Gli uomini, secondo chi indaga, avrebbero presentato dichiarazioni dei redditi non veritiere per importi troppo piccoli e, nell’anno 2010, avrebbero addirittura omesso la dichiarazioni fiscale incassando in questo modo tutti i soldi senza pagare tasse. Una volta completata la prima parte dell’operazione, gli imprenditori avrebbero avviato le procedure alla Camera di Commercio di Salerno, necessarie per trasferire i soldi da Sala Consilina alla Lituania.

La scoperta e il sequestro Avevano studiato un efficace metodo per sviare ai controlli ed evitare sanzioni economiche pesanti da parte dell’Erario. Dopo approfondite indagini, i finanzieri hanno smascherato il sistema con l’aiuto della polizia giudiziaria per gli accertamenti bancari e patrimoniali. Il Gip del tribunale di Sala Consilina ha sequestrato beni e utilità per un milione di euro. La guardia di finanza ha inoltre sequestrato due immobili, automobili prestigiose, depositi bancari e postali. Tutti i beni sequestrati sono ritenuti dall’autorità giudiziaria provento della frode fiscale.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019