Camerota, corsa del Mito: sei squalificati alla gara. Fuori anche la prima donna

Sei atleti squalificati alla corsa del Mito di Marina di Camerota organizzata dall’associazione ‘Tuttinsieme’. Alla fine della gara i giudici hanno tagliato fuori dalla classifica cinque corridori maschi e una donna. Gli atleti nella mattina di domenica aveva già preso parte a delle gare podistiche marchiate Fidal: alcuni hanno corso a Cercola (Napoli), mentre altri a Cassino (Roma). La donna, inoltre, si è classificata prima alla corsa del Mito. Solo grazie all’intervento dei giudici l’atleta, però, è stata squalificata.

I nomi E’ stato squalificato Jawad Souigra classe ’88 della podistica Laghetto arrivato settimo all’arrivo. Espulso anche Sahili Hamza, anche lui della podistica Laghetto arrivato quarto al traguardo. Nono invece era arrivato Roqti Abderrafi, class ’82 della Finanza sport Campania. Sesto Mourad El Mourid, ’84 della podistica Cava Costa D’Amalfi. Squalificato anche Zituuni Youness del ’79 anche lui della Finanza sport Campania. La donna che per prima ha tagliato il traguardo sul porto di Camerota è Palma De Leo, classe ’77 della Gs Lammari.

Il regolamento Secondo la regola della Fidal, federazione italiana atletica leggera, un atleta non può partecipare a due corse in un solo giorno. I sei squalificati hanno infranto questo articolo del regolamento ufficiale e sono stati scoperti dai giudici. Questi corridori avevano, oltretutto, ottenuto piazzamenti importanti nella gara del mattino e piazzamenti altrettanto importanti nella corsa del Mito a Camerota. Tenendo conto che i premi sono in denaro, il bottino per alcuni corridori era abbastanza cospicuo.

©Riproduzione riservata