Ospedale Agropoli, Alfieri: «Comunità penalizzata volutamente»

Il sindaco Franco Alfieri chiede con urgenza la riapertura del pronto soccorso dell’ospedale di Agropoli. A seguito del decreto del consiglio di Stato, mercoledì pomeriggio il primo cittadino agropolese ha inviato una nota protoccolata a Caldoro, presidente della Regione Campania, al subcommissario Morlacco, ad Antonio Squillante, direttore generale dell’Asl di Salerno, e al direttore sanitario dell’Asl Giovanni Caiazzo. Per conoscenza la nota è stata inviata anche al prefetto di Salerno e al procuratore della Repubblica di Vallo della Lucania. Alfieri ha chiesto ad ognuno, per la propria competenza, di porre in essere tutti gli atti che portino all’immediata esecuzione del provvedimento del Consiglio di Stato.
 
«Rispetto al decreto del consiglio di Stato – afferma il sindaco Franco Alfieri – c’è solo il dovere di adempiere e non vi sono spazi per interpretare o motivi per raggirare quanto deciso. Negli ultimi giorni ed anche oggi, ad Agropoli vi sono stati casi di patologie acute tali da rendere necessario anche l’intervento dell’elisoccorso, questo a dimostrazione di quanto sia indispensabile il pronto soccorso di Agropoli. Se, per qualsiasi motivo, non si dovesse ottemperare alla decisione del consiglio di Stato – continua – ci troveremmo di fronte ad un grave atto di irresponsabilità, grottesco e altamente pericoloso per la salute dei cittadini. A questo punto non ci saranno più dubbi circa la volontà di penalizzare volutamente questa comunità. Da sindaco e da uomo ritengo che sia inquietante pensare che ci possa essere qualcuno che, pervicacemente, anche contro provvedimenti della Magistratura, possa perseguire obiettivi che mettono in pericolo la vita delle persone. Qualsiasi persona di buon senso – conclude il primo cittadino – in concomitanza di tali fatti, senza esitazione dovrebbe quantomeno far superare tutto il periodo estivo ed utilizzare il tempo per ricercare soluzioni condivise e soprattutto efficaci, allontanando la situazione di incertezza che si è creata nelle ultime settimane». Poi l’invito: «Ai cittadini e ai colleghi sindaci dico che la lotta continua».

©Riproduzione riservata