Sapri, bocciata l’idea della preside: gli alunni del liceo non andranno a scuola di sera

Infante viaggi

Il secondo piano del liceo ‘Carlo Pisacane’ di Sapri non è completamente agibile. Il problema interessa soprattutto il secondo piano dell’edificio perchè manca la scala esterna anti-incendio. Gli assessori provinciali all’Edilizia e ai Lavori pubblici, Carpentieri e Pierro, hanno assicurato tramite nota stampa che i lavori per la messa in sicurezza dovrebbero terminare non oltre la fine di questo anno. Intanto, però, gli alunni delle quinte classi sono costretti a migrare verso un altro edificio sito sempre nella cittadina della spigolatrice.

La decisione è stata presa dalla numero uno del liceo, Franca Principe, che dopo l’ultimo incontro con genitori e alunni ha bocciato l’ipotesi di una scuola pomeridiana. All’inizio si era pensato che le quinte classi potessero frequentare il plesso dopo che gli altri alunni avessero finito le lezioni e quindi dalle 14 alle 18. L’idea è stata bocciata sul nascere grazie anche alle proteste degli stessi ragazzi che hanno lamentato l’impossibilità di raggiungere Sapri per la mancanza di collegamenti con i mezzi di trasporto.

  • Vea ricambi Bellizzi

Allora ecco la decisione: le quinte giovedì mattina hanno occupato i banchi dell’edificio in contrada Pali dove ha già sede l’istituto agrario. Nell’edificio di via Gaetani sono passate le classi prima, seconda e terza dell’agrario (aula magna) oltre alla prima ed alla seconda del liceo musicale. Tutte le classi faranno solo tre ore fino al 28 settembre, per poi riprendere le regolari cinque ore (8:30-11:30) di lezione a partire da lunedì 30 settembre.

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Vea ricambi Bellizzi