• Home
  • Cronaca
  • Svaligiano case in tutto il Cilento: scoperta banda. Tre fuggono, uno preso (FOTO)

Svaligiano case in tutto il Cilento: scoperta banda. Tre fuggono, uno preso (FOTO)

di Luigi Martino

La polizia di Salerno, alcune settimane fa, ha avviato un’attività investigativa su un gruppo criminale composto da persone di nazionalità serba. Secondo gli inquirenti la banda è specializzata in furti d’appartamento ed ha messo a segno molti colpi nel Cilento. Sono quattro i soggetti finiti sotto la lente degli 007 della questura, accusati tutti di furto aggravato e rapina. Gli episodi, sempre secondo la polizia, non sono avvenuti solo nell’area geografica del Cilento, ma anche in altre zone della provincia di Salerno e in alcuni comuni confinanti con la Lucania.

Uno in manette, gli altri scappano Nella serata di giovedì, la polizia ha ricevuto una segnalazione e dalla caserma di Salerno e dal commissariato di Battipaglia sono partite delle volanti intorno alle 18.30. Dopo circa un’ora di inseguimento e novanta chilometri di strada percorsi, la squadra mobile da Sicignano ad Angri ha fermato la banda che viaggiava a bordo di un’auto. Nell’inseguimento, infatti, l’auto si è andata a schiantare contro un guard rail. Nell’impatto tre persone sono riuscite a fuggire, mentre il conducente è rimasto incastrato tra le lamiere.

I soccorsi Sono stati gli uomini dei vicequestori Claudio De Salvo e Giovanni Amodio ad allertare i soccorsi per liberare il ferito dalle lamiere. Si tratta di Jovanovic Slavisa, serbo di 23 anni, arrestato in flagranza di reato. L’uomo è domiciliato a Napoli ed è ritenuto responsabile, insieme agli altri tre soggetti che sono fuggiti, di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato, ricettazione e possesso di arnesi atti allo scasso. Il serbo ferito è stato ricoverato all’ospedale Umberto I di Nocera e dopo le prime cure gli agenti lo hanno accompagnato in commissariato.

La refurtiva All’interno dell’autovettura, dopo i rilievi della polizia stradale e della polizia scientifica, è stata rinvenuta numerosa refurtiva, composta da libretti e buoni fruttiferi postali intestati del valore di circa 10 mila euro, quattro orologi, numerosi monili in oro tra cui anelli, orecchini, spille, monete, medagliette, collane e bracciali, due portagioie in legno con lastra d’argento, altri oggetti preziosi tra cui un diamante con certificato di autenticità, sulla cui provenienza sono in corso gli opportuni accertamenti, nonché oggetti atti per lo scasso, tra cui cacciavite di grosse dimensioni.

Arresto e indagini Viste le circostanze e la refurtiva custodita nell’automobile, Jovanovic Slavisa è stato arrestato per i reati che sono stati elencati e trasferito a Fuorni nel carcere di Salerno. Intanto, già dalle prime ore del mattino di giovedì, sono in corso le indagini per riconoscere e catturare i tre fuggitivi. Slavisa verrà sicuramente interrogato perchè gli agenti ritengono che conoscesse le tre persone che erano a bordo della sua stessa auto. Sono in corso anche altre indagini, quelle per cercare di rintracciare i proprietari degli oggetti di valore rinvenuti nel bagagliaio dopo l’incidente.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019