«Non ha consegnato le chiavi del tribunale», indagato l’ex sindaco di Sala Consilina

L’ex sindaco di Sala Consilina è indagato per fatti che riguarderebbero la chiusura del tribunale valdianese. I carabinieri nei giorni scorsi hanno recapito l’avviso di conclusione delle indagini a Gaeatano Ferrari. L’ipotesi di reato avanzata dalla procura della Repubblica del tribunale di Lagonegro è «interruzione di pubblico servizio». Gli inquirenti hanno avviato le indagini quando l’ex sindaco non ha consegnato le chiavi del tribunale e avrebbe quindi ostacolato le operazioni di trasloco dei documenti da un palazzo di giustizia all’altro. Il tribunale di Sala è stato accorpato a quello di Lagonegro, in provincia di Potenza, dopo l’ordinanza emanata dallo scorso governo in base alla nuova mappatura geografica. Secondo Ferrari, nel giorno della consegna delle chiavi, «non c’era nessuna garanzia sull’agibilità del palazzo che ospita gli uffici del tribunale di Lagonegro». Ora bisognerà andare davanti al giudice delle udienze preliminari, che per i fatti avvenuti lo scorso settembre, potrebbe rinviare a giudizio l’ex primo cittadino oppure optare per il «non luogo a procedere» e prosciogliere dalle accuse Ferrari che intanto ha nominato già il proprio difensore di fiducia.

©Riproduzione riservata