Hotel Bandolero: il programma radio dei grandi personaggi della musica.

“El Bandolero Stanco”, ora “Hotel Bandolero” è una web radio nata dall’idea di un giovane di Ascea e concretizzatasi soltanto un anno fa grazie alla collaborazione con altri giovani del territorio, motivati a creare uno spazio innovativo, nel quale si raccontano le storie dei personaggi che hanno reso grande la musica.

Attualmente composto da cinque persone (Giuseppe Alampi, Alberto D’angelo, Francesca D’Ambrosio, Nicoletta Di Martino, Benny Positano) che si occupano anche della fase organizzativa della trasmissione, più due componenti (Vera Carini e Benedetto D’Angiolillo) che prendono parte soltanto alla trasmissione,  il gruppo di “Hotel Bandolero”, che ogni domenica sera dedica due ore non soltanto alla musica, ma anche alla valorizzazione dell’arte in genere, alla riflessione, al divertimento.

Il programma radio si può ascoltare al link www.azzurramovida.com, mentre attraverso la pagina facebook si può interagire con gli speakers.

Contattando la redazione è possibile, inoltre, prenotarsi per partecipare direttamente al programma.

 

Abbiamo intervistato uno dei componenti del gruppo, Giuseppe Alampi.

Come nasce l’idea del programma radio?

L’idea nasce dal voler raccontare la musica dei grandi personaggi anche attraverso le loro storie, la loro vita, il contesto storico e sociale nel quale sono inseriti

Perché “El Bandolero Stanco” e poi “Hotel Bandolero”?

Il Bandolero, nome creato da Albero D’angelo, è la voce della protesta, non a caso il primo nome del programma è stato “El Bandolero Stanco”. Siamo stanchi della musica affidata a Maria De Filippi o a X Factor. Vogliamo che i giovani si avvicinino e imparino ad apprezzare la storia della musica, a conoscerne i suoi interpreti e le loro peculiarità.

“Hotel Bandolero”, invece, ci è sembrato il nome ideale per il nostro gruppo, che a partire da quest’anno si propone di dare voce a tutte le arti e dare la possibilità, in particolar modo a giovani del territorio, di esprimersi liberamente.

Hanno già preso parte alla trasmissione, per esempio, il gruppo di Salerno “Le visioni distorte”, un giovane poeta cilentano, Romualdo Meo e tanti altri giovani appassionati di fotografia, tra i quali Massimo Greco e Silvio Renzi. Ospitiamo, dunque, tutti coloro che hanno la voglia di trasmettere le proprie passioni, di condividerle con il mondo del web.

Quali sono le novità della stagione 2011?

Riserviamo attenzione al cinema, sezione della quale si occupa Nicoletta Di Martino e proponiamo puntate a tema, fin’ora curate da studentesse universitarie, tra le quali Francesca D’ambrosio e Vera Carini.

Abbiamo anche una rubrica “Le 10 canzoni della tua vita” dedicata a quelle canzoni che sono legate a momenti particolari della vita e cariche, dunque, di indelebili ricordi, di emozioni, di sensazioni.  Con questa rubrica il programma radio dà la possibilità a chi è interessato di prendere parte alla trasmissione e di curarne, di volta in volta, questa sezione.

Presto, inoltre, ci sarà una nuova rubrica intitolata “Le 10 canzoni che avresti voluto scrivere”.

Qual è la risposta del pubblico?

L’anno scorso siamo andati in onda su una free radio, Shake Me Radio, che ci ha permesso di “farci le ossa”, di prepararci per affrontare nuove esperienze iniziando ad attirare il pubblico. Ora è possibile ascoltare il nostro programma su Radio Azzurra Movida (cogliamo l’occasione per ringraziare Benny Positano, nostro regista, che ci ha dato questa opportunità), una radio già consolidata che ha fatto crescere vertiginosamente gli ascolti.

Cosa rappresenta “Hotel Bandolero” per i componenti del gruppo? 

Un momento di incontro, un punto di convergenza, un motivo per scambiarsi opinioni, uno spazio in libertà e per questo ripetiamo l’invito al pubblico di venirci a trovare in sede, a Casalvelino Scalo, per vedere se ciò che diciamo è realtà.

Riproduzione riservata ©

 

Contatti su facebook:

La Banda dell’Hotel Bandolero

Peppe Sang Alampi

Alberto D’angelo

Nicoletta di Martino

Francesca D’Ambrosio

Vera Carini

Benedetto D’Angiolillo