Vatolla, arbitro marocchino aggredito: 7 giorni di prognosi

Infante viaggi

Ormai siamo abituati a sentir parlare di calcio violento, soprattutto nelle categorie più basse dove decine di squadre cilentane militano. L’ultimo episodio è avvenuto a Vatolla al termine della partita del campionato di terza categoria tra Real Socia Montecorice e Heareditas. Sono da poco passate le 16 di sabato quando il giovane arbitro originario del Marocco Medi Boulaghamal, è stato aggredito alle spalle da un dirigente della squadra ospite. Il 24enne che vive da tempo a Capaccio dove è residente, è caduto a terra battendo il capo. L’aggressore, però, non si è fermato e continuava ad ingiuriarlo. Solo l’intervento degli altri dirigenti ha evitato il peggio. L’arbitro ha atteso l’arrivo delle forze dell’ordine e di una ambulanza che lo ha accompagnato all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania. I medici gli hanno riscontrato un trauma cranico ed una ferita lacero contusa all’orecchio, prescrivendo una prognosi di sette giorni. Ora c’è attesa per conoscere l’esito della giustizia sportiva, che si esprimerà sull’episodio.

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata
      

  • Lido La Torre Palinuro
  • Lido Urlamare Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • assicurazioni assitur