• Home
  • Cronaca
  • Disastro viabilità Cilento e Valdiano: chiusa per frana statale Auletta, Orria isolata. Voragine Agropoli, Mingardina ko

Disastro viabilità Cilento e Valdiano: chiusa per frana statale Auletta, Orria isolata. Voragine Agropoli, Mingardina ko

di Luigi Martino

Il Cilento e il Vallo di Diano sono in ginocchio dopo il maltempo che si è abbattuto su tutto il territorio. Frane, smottamenti e cedimenti stradali la fanno da padroni. Ci sono interi comuni isolati e zone a rischio. Studenti che in autobus sono costretti a percorre strade alternative con percorsi toruosi e più lunghi del previsto. Lavoratori che hanno dovuto anticipare la sveglia di qualche decina di minuti. La situazione è insostenibile e le soluzioni sembrano lontane.

Auletta L’Anas comunica che, a causa di una frana verificatasi questa sera a seguito delle avverse condizioni meteo delle ultime ore, è stata chiusa provvisoriamente al traffico, in entrambe le direzioni, la strada statale 19 “delle Calabrie”, tra i km 46,000 e 47,400,  nel comune di Auletta. Sul posto sono intervenute le squadre Anas per avviare le verifiche dell’area interessata dalla frana e la chiusura del tratto stradale. La frana non  ha provocato alcun danno a persone o veicoli in transito. Al momento i percorsi alternativi vengono indicati sul posto. I veicoli in transito sull’autostrada A3 devono utilizzare lo svincolo di Polla per raggiungere il comune di Auletta. L’Anas raccomanda agli automobilisti prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web.

Orria Alcune frane impediscono i collegamenti anche tra il piccolo paese del primo entrotetrra cilentano, Orria, e i centri vicini. Movimenti franosi sono segnalati sulle principali arterire di comunicazione tra il paese e i centri vicini. In particolare, sono chiuse al traffico veicolare le seguenti arterie stradali: Gioi-Cardile, Orria-Perito ed Orria-Omignano.

Gioi Cilento Sono stati affidati i lavori per la messa in sicurezza della frana che si è verificata lo scorso 22 novembre sulla strada provinciale 80 di collegamento Gioi-Salento. Nella nota inviata al Comune di Gioi e a quello di Salento è stata indicata anche la ditta a cui verranno affidati i lavori, si tratta della Cinelli di Magliano Vetere. La provinciale 80 era stata chiusa dopo la frana di novembre causata dalle abbondanti piogge cadute in quei giorni su tutto il Cilento interno. Il primo cittadino di Gioi, Andrea Salati, ha iniziato così una disputa con la Provincia e le pressioni sono state fatte proprie dall’assessore provinciale ai Lavori Pubblici, Attilio Pierro, che ha provveduto a inserire la strada tra quelle da mettere in sicurezza. (ARTICOLO COMPLETO)

Agropoli Intanto nella serata di venerdì ad Agropoli si è formata una voragine nell’asfalto sulla strada provinciale 267, meglio conosciuta con il nome di via del Mare. La strada passa vicino lo svincolo di Agropoli sud a pochi metri dall’area di servizio ‘Zanzibar’. Il fatto è avvenuto giovedì notte e sul posto si sono portati i carabinieri della locale compagnia agli ordini del capitano Giulio Presutti. I militari hanno il compito di segnalare alle vetture il disagio e di installare una adeguata segnaletica. (ARTICOLO COMPLETO E FOTO)

Castelcivita Il maltempo ha causato danni anche sulla provinciale che attraversa Castelcivita. Come nei pressi dello svincolo di Agropoli sud, anche qui si è aperta una voragine sull’asfalto che si è spaccato in due. Al momento dello smottamento un camion ha rischiato grosso, passando in quel tratto di strada dissestata. Ma l’autista è riuscito a schivare l’incidente. L’arteria interessata è quella che collega la contrada Cosentino con Roccadaspide e Controne. Per raggiungere queste due località, i cittadini sono costretti a percorrere una strada di circa 30 chilometri più lunga. Come per le altre arterie interessate da movimenti franosi, anche qui gli studenti hanno riscontrato disagi soprattutto quelli che devono recarsi presso gli istituti superiori della cittadina rocchese e tutti i pendolari che devono spostarsi per raggiungere il posto di lavoro.

Montecorice La via del Mare è danneggiata all’altezza di Agropoli dove una voragine si è aperta nell’asfalto, ma non solo. Il tratto che costeggia le Ripe Rosse a Montecorice è chiuso da oltre due mesi. Il motivo è chiaro: caduta massi dalla montagna che la sovrasta. Intorno a questa interdizione ruotano anche diversi episodi di cronaca. Prima di Natale c’è stata una protesta dei cittadini esasperati perchè costretti a percorrere strade alternative pericolose e lunghe. Prima ancora della protesta qualcuno nella notte ha rimosso i blocchi, un po’ come è successo anche sulla Mingardina tra Camerota, Palinuro e San Severino, e per una giornata intera le auto hanno transitato liberamente. Poi la situazione è stata subito ripristinata e l’arteria ritorna ad essere sbarrata.

Pisciotta La manifestazione di sabato 18 gennaio, presso la frana di Rizzico al km 16 della ex ss 447 nel Comune di Pisciotta, ha mobilitato la cittadinanza locale per richiedere una rapida soluzione all’annoso problema. La soluzione prospettata sarebbe quella di un potenziamento della viabilità alternativa, punto sostenuto con forza dall’assessore ai Lavori Pubblici della provincia di Salerno Attilio Pierro. Dal comune di Pisciotta la richiesta è quella di riaprire la ex ss 447. Il Comune di Pisciotta, come richiesto dall’associazione Fucina Rhodium, «ha stabilito – si legge nell’informativa del Comune– che le somme accantonate per ripristinare la strada ex ss 447 in località Rizzico, siano destinate a migliorare i dieci chilometri della strada interpoderale Ischifirretti – Rodio che rappresenta l’unico percorso alternativo praticabilie». (ARTICOLO COMPLETO / INTERVISTE)

Mingardina Resta chiusa anche la Mingardina nel tratto che ricade nel comune di Centola. La strada è chiusa da una settimana causa frana. L’arteria è di fondamentale importanza per i comuni di Centola e Camerota. Ci sono stati due sopralluoghi dei tecnici provinciali e regionali, ora il sindaco di Centola aspetta l’ok del Genio civile. Per la messa in sicurezza del costone servono 45mila euro (ARTICOLO COMPLETO). Sono ancora in corso, invece, i lavori nel primo tratto di Mingardina, quello verso Camerota. La strada statale ex 562d è crollata a mare. La causa è il temporale e le onde violente che si sono scaraventate in questi giorni contro l’asfalto. Il sindaco di Camerota, però, ha fatto ripristinare in breve tempo il tratto in modo da non chiudere l’arteria. Mancano pochi dettagli e i lavori sono conclusi. (ARTICOLO COMPLETO E FOTO)

Cilentana – Prignano La superstrada che attraversa il Cilento è piena di frane, voragini e pericoli. Da Torre Orsaia a Capaccio il problema principale, però, resta quello tra Agropoli e Prignano Cilento. Lì la strada è spaccata. La carreggiata direzione sud ogni giorno che passa scende sempre di più verso valle. La Provincia ha bisogno di fondi e i cittadini di una soluzione veloce e definitiva. La strada da quasi un anno è aperta ad una sola corsia, senso unico verso sud. Invece gli automobilisti che si dirigono verso Salerno sono costretti a salire prima sulla collina di Prignano Cilento per poi riscendere dall’altro lato. Un percorso alternativo impervio e che allunga il tragitto. (ARTICOLO COMPLETO E FOTO)

L’incontro del Basso Cilento Con l’iniziativa ‘Franano le strade, non franiamo anche noi’ il consigliere comunale di Camerota, Mario Scarpitta, insieme ai rappresentanti del comitato che ha dato vita alla protesta di ‘Rizzico’, si danno appuntamento con «tutti quelli di buona volontà», sabato 25, alle ore 17, alla Proloco di Marina di Camerota. «Abbiamo raccolto numerose adesioni innanzitutto di cittadini, poi di rappresentanti della protesta di Rizzico, delle associazioni, di commercianti, imprenditori, dei sindaci di Pisciotta, Centola e Celle di Bulgheria, abbiamo invitato anche il sindaco di Camerota ma è l’unico al momento non avere confermato la sua presenza, restiamo fiduciosi che l’amministrazione possa essere comunque presente», ha detto Scarpitta al giornale del Cilento. (ARTICOLO COMPLETO)

Bussentina Nei pressi di Caselle in Pittari, da lunedì 27 gennaio a mercoledì 29 gennaio, nella fascia oraria 7,00 – 17,30, sarà attivo un senso unico alternato all’interno della galleria ‘Marmori’, tra il km 15,000 e il km 15,276 della strada statale 517 Var ‘Bussentina’. Il provvedimento è stato preso per consentire gli interventi di cablaggio delle linee elettriche e l’installazione del quadro di comando a servizio della galleria. (ARTICOLO COMPLETO)

Futani  Frane anche lungo la statale 18 nei pressi del comune di Futani. Dalle ore 7,30 di lunedì 27 gennaio sarà istituito un senso unico alternato sulla strada statale 18 “Tirrena Inferiore”, in corrispondenza del km 167,250. In attesa del senso unico alternato il personale Anas sarà in presidio sulla zona per la gestione della viabilità e per avviare tutte le attività di verifica e messa in sicurezza del tratto stradale. 


©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019