• Home
  • Cronaca
  • «Abbiamo perso un’opportunità come il Giro d’Italia»

«Abbiamo perso un’opportunità come il Giro d’Italia»

di Luigi Martino

Ancora emergenza viabilità nel Cilento. Questa volta a segnalarci la carenza delle strade e la difficoltà per raggiungere alcuni territori del comprensorio, è Francesco Rizzo, coordinatore del partito socialisti italiani di Sessa Cilento. Rizzo ha inviato una lettera alla nostra redazione. La pubblichiamo di seguito in maniera integrale:

Faccio appello alla vostra sensibilità, al vostro dovere civico e politico, nonché alla vostra responsabilità  nei confronti del territorio. Sono anni che percorrendo le nostre strade provinciali riscontriamo avvallamenti, smottamenti, frane. Avevamo avuto  una grande opportunità il Giro d’Italia, sfumato con rammarico perché  consapevoli di non aver fatto il possibile per donare al nostro territorio una giusta ricompensa visto la bellezza, la storie e la cultura che può vantare. Non è bastato un evento del genere per smuovere qualcosa. Questa è la nota più preoccupante. Sembra quasi che tutti siano rassegnati e che tutti hanno imparato a memoria la canzoncina “Purtroppo non abbiamo fondi!”. Ma, se non ci attiviamo per un evento internazionale,  quanti anni dovremo aspettare per la sistemazione delle nostre strade?

Vi invito a percorrere il tratto di strada da Mercato Cilento a Stella Cilento. I disagi sono innumerevoli. Per non parlare della SP 115 (tratto Omignano Scalo – Sessa Cilento),  chiusa già da alcuni anni ed interessata ultimamente da ulteriori frane. Dobbiamo soltanto sperare che la primavera e l’estate non ci regalino altre intemperie, altrimenti saremo costretti ad usare mezzi di fortuna o, piuttosto, dovremo imparare ad andare a cavallo! Spero che un po’ di ironia mi sia concessa visto che nelle ultime settimane la situazione è diventata sempre più critica. Presumo che non bisogna attendere altro tempo per intervenire e per non lasciare ancora per anni le nostre strade chiuse per frane o lavori in corso.  Siamo consapevoli che il tratto di strada in questione non è dei più trafficati, ma è pur vero che ogni residente adempie ai propri obblighi tributari versando le tasse, pertanto ha il diritto di fruire di servizi almeno (sottolineo, almeno) decenti.
A nome del mio partito, a nome dei cittadini, a nome degli studenti e dei lavoratori che ogni giorno devono percorrere le arterie cilentane, a nome delle strutture ricettive alberghiere delle zona, vista anche l’imminenza del periodo estivo,  mi rivolgo a voi per un’attenzione maggiore, sperando in un immediato e celere intervento per la messa in sicurezza dei tratti di strada Mercato Cilento – San Mango C.to;  Omignano Capoluogo – Stella Cilento;  Sessa Cilento – Omignano (fraz. Pagliarole), perché nel caso continuassero le intemperie il rischio di rimanere isolati è serio e concreto, davvero.

Confido nel vostro senso di responsabilità verso le comunità che egregiamente rappresentate, ricordando che i cittadini hanno  bisogno di non sentirsi dalle istituzioni. Solo percorrendo questa strada può rinascere quel senso di vicinanza e fiducia per la politica e le istituzioni stesse.

                                      Francesco Rizzo

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019