Preti gay e chat erotiche, nel dossier inviato alla Curia spuntano sette parroci della diocesi di Teggiano-Policastro

Chat erotiche e sesso con preti. E’ stato consegnato alla Cancelleria della Curia Arcivescovile di Napoli un dossier di denuncia di casi di omosessualità nei quali sarebbero coinvolti sacerdoti, religiosi e seminaristi di alcune diocesi italiane. Lo spiega la stessa curia partenopea in una nota aggiungendo che tutto il materiale verrà opportunamente esaminato per essere trasmesso alle diocesi interessate. Nello scandalo di cui si parla da giorni sarebbero coinvolti anche parroci salernitani. 

Le oltre mille pagine di dossier inviate alla curia sono state consegnate da un escort napoletano, Francesco Mangiacapra, noto alle cronache per avere svelato i presunti traffici di don Luca Morini, soprannominato ‘don Euro’. Dentro pagine e pagine con conversazioni online con decine di sacerdoti gay. Sarebbero coinvolti cinquanta preti omosessuali e una decina di seminaristi, indicati con nome e cognome.

Il dossier di Mangiacapra contiene anche indicazioni sulle località in cui vivono i preti e loro parrocchie. Secondo quanto riportato da diverse testate nazionali il dossier potrebbe essere inviato anche ai vertici della Diocesi di Teggiano-Policastro alla quale apparterrebbero sette sacerdoti indicati, insieme a quella di Tursi-Lagonegro. 

Il vescovo Antonio De Luca, interpellato, dichiara «di aspettare la consegna del materiale da parte della curia di Napoli; poi di studiare e di valutare il caso e di procedere poi secondo le indicazioni previste dalle disposizioni canoniche e civili».

©Riproduzione riservata