Esposto anonimo blocca i lavori per l’abbattimento del cementificio di Sapri

Un esposto anonimo rischia di bloccare, o comunque di ritardare, i lavori di demolizione dell’ex cementificio di Sapri. Un certo Martino Pepe, che non risulta tra i residenti o domiciliati della cittadina, nel febbraio scorso ha inoltrato alla Sovrintendenza e alla Procura della Repubblica un esposto in cui esprime preoccupazioni per le attività di demolizione che dovranno essere avviate prossimamente sull’ecomostro di Sapri.

In particolare chiede di conoscere modalità e tempistica previste lo smaltimento del materiale di risulta, e la società Club Tirrenico srl, proprietaria dell’ecomostro, ha trenta giorni di tempo per trasmettere la documentazione richiesta. La Sovrintendenza, infatti, dopo l’esposto anonimo ha chiesto alla società delle integrazioni agli atti presentati per la demolizione.

«L’uomo, – ha commentato il sindaco – che si dichiara residente nella zona prospiciente l’ex-cementificio è preoccupato di dovere vivere per i prossimi venti anni tra le macerie e nel tentativo di bloccare l’iter amministrativo per l’abbattimento si inventa un fantomatico vincolo a patrimonio industriale. A Martino Pepe daremo tutte le rassicurazioni richieste».

©Riproduzione riservata