Moio della Civitella, quattro rinviati a giudizio: c’è il sindaco e il suo vice

Il presidente del tribunale di Vallo della Lucania Elisabetta Garzo, attualmente con funzioni di gip, ha disposto il rinvio a giudizio per il primo cittadino di Moio della Civitella, per il suo vice, per il responsabile dell’ufficio tecnico e per un imprenditore di Montano Antilia. Falso aggravato e turbativa d’asta nell’assegnazione del servizio di mensa scolastica, sono questi i reati dei quali sono accusati i quattro.

Le indagini sono concluse e il rinvio a giudizio ha stabilito che il primo dibattito in aula avverrà il prossimo 18 settembre davanti al giudice Antonella Bove. Secondo Garzo « il sindaco Antonio Gnarra, il vice Claudio Stifano, il responsabile Angelo Stifano e il titolare della Stemat Gerardo Forte,  avrebbero  turbato un’asta pubblica, per un ammontare di 20mila euro annui, con condotte omissive e falsi al solo fine di danneggiare la Cooperativa di Ruggiero e nel contempo avvantaggiare la Stemat».

©Riproduzione riservata