Maxi rissa tra rom ad Agropoli: i tre restano ai domiciliari

Niente carcere per i tre rom che domenica pomeriggio si sono picchiati con sedie e pinze da camino mettendo a soqquadro un bar sul lungomare di Agropoli. Martedì mattina, al tribunale di Vallo della Lucania, si è tenuta l’udienza in camera di consiglio, a porte chiuse, per la convalida dell’arresto di Angelo Marotta, Antonio Dolce e Fioravante Dolce, scortati dagli agenti di polizia giudiziaria nell’aula Alessandrini di Vallo. I tre, imputati per i reati di rissa aggravata dalle lesioni personali, lesioni personali aggravate da uso di armi e motivi abbietti e futili, e resistenza a Pubblico Ufficiale, sono difesi dagli avvocati Giovanni Oricchio e Benedetta Sirignano. Il giudice, dopo tre ore di camera di consiglio, ha convalidato la misura cautelare degli arresti domiciliari. Dunque nessun carcere per i rom. Ora i legali Oricchio, Sirignano e Apicella, hanno chiesto i termini a difesa per la trattazione del giudizio direttissimo, la cui udienza è fissata il prossimo 11 Febbraio. Probabile la richiesta da parte dei legali del rito abbreviato.

IL VIDEO RIPRESO DALLE TELECAMERE DEL BAR