• Home
  • Cronaca
  • Capaccio, anziana truffata da falso assicuratore: allerta nel Cilento

Capaccio, anziana truffata da falso assicuratore: allerta nel Cilento

di Luigi Martino

E’ successo di nuovo. Ormai le truffe ai danni di anziani sono all’ordine del giorno. In provincia di Salerno, Capaccio pare sia il comune più colpito. Questa volta la vittima è un’anziana donna che al momento della truffa era sola in casa. Pare sia stata usata la stessa tecnica che nell’estate appena trascorsa ha portato via mille euro ad una donna di Marina di Camerota.

Secondo i vicini dell’anziana, che abita in contrada Borgonovo, la donna sarebbe stata avvicinata da un uomo sulla trentina. Il falso agente assicurativo ha affermato di dover riscuotere un pagamento e che il figlio dell’anziana era al corrente di questa situazione. L’imbroglio è stato organizzato nel migliore dei modi e forse provato più volte. Il finto assicuratore, sicuro anche grazie alla buona fede della donna, per essere più convincente ha addirittura alzato il telefono e fatto parlare la donna con un complice che per l’occasione si è finto il figlio dell’anziana. Il malfattore ha chiuso la telefonata e a quel punto ha chiesto alla donna di firmare una carta e versare 700 euro in contanti. Il caso però ha voluto che la donna avesse in casa solo 300 euro, soldi che logicamente il falso assicuratore ha accettato dicendo che sarebbe poi passato a prendere il resto, ma che in verità è scappato via senza lasciare tracce.

La truffa è stata scoperta solo con il rientro a casa del figlio che ha comunicato alla mamma di non aver ricevuto nessuna telefonata da parte di assicuratori e che non doveva versare soldi a nessuna polizza assicurativa. Sul caso indagano i carabinieri a fine di contrastare il fenomeno in netta espansione nel Cilento.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019