• Home
  • Cronaca
  • Capaccio, donna aggredita da marocchini: salva grazie ai passanti

Capaccio, donna aggredita da marocchini: salva grazie ai passanti

di Luigi Martino

Due extracomunitari, riconosciuti dai testimoni oculari come uomini provenienti dal Marocco, hanno aggredito questa mattina una donna a Capaccio Scalo. Chi ha assistito alla scena racconta che i due uomini, ognuno a bordo della propria bicicletta, hanno bloccato la donna in via Salvemini e hanno intimato a gran voce di consegnare la borsa. La donna è riuscita a resistere nonostante le aggressioni fisiche dei due che non volevano mollare la borsa. Mentre gli extracomunitari tentavano di derubare la malcapitata, sono sopraggiunte due automobili che si sono fermate per controllare cosa stesse accadendo. I ladri sono scappati via facendo perdere le proprie tracce. I cittadini, visto il susseguirsi di episodi negativi e pericolosi per l’incolumità delle persone, chiedono ora più che mai a gran voce, maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine soprattutto in zone dove la donna stava per essere derubata perchè sono buie e isolate.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019