• Home
  • Cultura
  • A Maronna ca’ fui, sì ai vaccini per i giovani “Marunnari” di Sanza

A Maronna ca’ fui, sì ai vaccini per i giovani “Marunnari” di Sanza

di Redazione

di Pasquale Sorrentino

Ritorneranno. Non vedono l’ora. Sono già pronti, scalpitano. Sono i giovani Marunnari di Sanza, ai piedi del Cervati, la vetta della Campania. Sono pronti a rinnovare il rito millenario dell’ascesa al monte. A Maronna ca’ fui. In spalla, di notte, per sentieri impervi. Di corsa accompagnati dal canto. Dopo lo stop forzato dello scorso anno, quest’anno si può. Si farà.

Quest’anno il 26 luglio non sarà come l’anno scorso, quest’anno una soluzione c’è. L’Arciconfraternita Maria SS della Neve con la preziosa collaborazione dell’Amministrazione Comunale ha predisposto la vaccinazione di massa per tutti I portatori under 50 ( considerato che gli over 50hanno già la possibilità di prenotarsi autonomamente).

La notizia era attesa. Chiunque è intenzionato ad entrare nei “portatori”, insomma nei Marunnari; coloro che si misureranno con la sfida e la tradizione di mettersi sotto la Stipa e portare la Mamma in vetta al Cervati e poi riaccompagnarla a casa, in Chiesa Madre a Sanza, la notte del 4 agosto, è pregato di recarsi presso la sede dell’Arciconfraternita in Piazza Plebiscito da domani 6 maggio e fino a giovedi 13 maggio dalle ore 20.00 alle ore 21.30 per iscriversi nell’elenco di coloro che saranno vaccinati. Sarà necessario portare con se la tessera sanitaria e poi dichiarare eventuali patologie o assunzioni di farmaci. E’ questa l’iniziativa assunta dal Priore della millenaria Arciconfraternita, Antonio Laveglia. Successivamente sarà predisposta con la ASL di Salerno una giornata di vaccinazione collettiva per i Marunnari. La Madonna della Neve ritorna sul Cervati.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019