• Home
  • Comuni
  • Agropoli
  • Ad Agropoli nasce il muro della gentilezza: abiti e libri per chi ne ha bisogno

Ad Agropoli nasce il muro della gentilezza: abiti e libri per chi ne ha bisogno

di Antonio Vuolo

Nasce ad Agropoli un luogo dove la generosità di chi dona s’incontra con la necessità di quanti hanno bisogno, ma provano vergogna nel tendere la mano. È prevista per mercoledì 2 marzo alle ore 12:00, infatti, l’inaugurazione del «Muro della Gentilezza». Un’iniziativa rivolta alle famiglie meno abbienti che necessitano di indumenti, libri, articoli di cancelleria ed altro materiale in pieno anonimato. 

Lo slogan che accompagna l’iniziativa è: «Chi può lasci, chi ha bisogno prelevi». Il muro della gentilezza, è stato realizzato in piazza Monsignor Merola, su proposta di Daniela Orrico, fondatrice della pagina Faebook «Te lo regalo se vieni a prenderlo – Agropoli e Cilento».

L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Adamo Coppola, ha accolto con entusiasmo il progetto e l’assessorato alle Politiche Sociali e Giovanili, retto dall’assessore Maria Giovanna D’Arienzo, si è subito attivato per renderlo realtà. In pochi giorni l’area polifunzionale di Piazza Merola, dedicata ai caduti sul lavoro, è stata sistemata e riqualificata. 

Il Muro della Gentilezza sarà gestito in totale anonimato: chiunque potrà lasciare o prelevare ciò di cui ha bisogno senza che altri vengano a saperlo. «In un momento storico come questo, intriso di dolori e di guerra, dove i muri e i fili spinati rappresentano intolleranza, sopraffazione e divisione tra i popoli, ad Agropoli nasce il muro della gentilezza, rappresentato dai colori dell’arcobaleno che sono per tutti noi un messaggio di pace e fratellanza», commenta l’assessore D’Arienzo.

«Il muro della gentilezza rappresenta uno “strumento”, valido per contrastare le difficoltà che si possono riscontrare nella vita quotidiana di famiglie bisognose – ha aggiunto il sindaco Adamo Coppola – mi complimento con la promotrice dell’iniziativa. Qualsiasi azione di umanità e generosità, è segno di identità e rappresenta una crescita per l’intera comunità»

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019