Agropoli, al teatro De Filippo va in scena Silvio Orlando con “Si nota all’imbrunire”

Infante viaggi

Giro di boa per la quinta stagione del teatro “De Filippo” di Agropoli, curata da Teatro Pubblico Campano, con la direzione artistica e organizzativa di Pierluigi Iorio e l’impegno dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Adamo Coppola. Domani, mercoledì 12 febbraio andrà in scena “Si nota all’imbrunire (Solitudine da paese spopolato)”, con Silvio Orlando, scritto e diretto da Lucia Calamaro. E’ un piccolo capolavoro di delicata poesia, spietata dolcezza e struggente bellezza, un connubio vincente tra un testo di grande intensità, ironico e lieve, e un cast straordinario che regala un’interpretazione vera e vibrante.

Il testo, scritto per il suo protagonista Silvio Orlando, scava in una delle “problematiche” quotidiane che affligge la nostra epoca, una malattia sempre più diffusa e trasversale: la “solitudine sociale”. La solitudine se perpetrata con insistenza e maniacale continuità può infatti diventare una patologia: un disturbo che ha conseguenze gravi come la disgregazione delle connessioni sociali, affettive e comportamentali. Più che una società malata, l’autrice mette in scena il microcosmo egoista e singolare di una famiglia, i suoi disagi e le sue delusioni esistenziali, che dalla solitudine del protagonista viene ferita, infastidita e offesa.

Silvio Orlando regala un’interpretazione magistrale, intensa e misurata, con la sua mimica essenziale ma efficace riesce a restituire le molteplici sfumature e fragilità del suo personaggio, un uomo complesso, stralunato, burbero, teneramente ironico, un’anima malinconica e sentimentale.

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur