Agropoli, inaugurata la rotatoria a Mattine e posata prima pietra per la nuova scuola

132
Infante viaggi

di Antonio Vuolo

«Dobbiamo innanzitutto chiedere scusa ai cittadini delle Mattine, perché c’è voluto veramente troppo tempo per realizzare questa rotatoria. Stiamo parlando di un percorso che è iniziato 6 anni fa. Ritardi non da parte nostra, ma per problemi burocratici assurdi». Ha esordito così, stamane, il primo cittadino di Agropoli, Adamo Coppola, in occasione dell’inaugurazione della rotatoria tra la strada regionale 267 e la strada statale 18, in località Mattine.

«Abbiamo combattuto per anni con l’ANAS per avere questa autorizzazione nonostante rotatorie, andando verso Battipaglia, ce ne siano tante. Poi è passato tutto in mano alla Provincia, anche lì con grandi sforzi, alla fine siamo riusciti ad avere l’autorizzazione per i lavori che poi sono stati realizzati in brevissimo tempo. – ha aggiunto Coppola – E’ stato tutto un problema di carattere burocratico, e questa è una sconfitta per le istituzioni. Oggi siamo qui a consegnare quest’opera, ma ripeto, la prima cosa da fare è chiedere scusa ai cittadini».

  • assicurazioni assitur

Nel corso dell’incontro con la stampa, il sindaco agropolese ha annunciato anche l’avvio dei lavori di pubblica illuminazione fino alla rotatoria nei pressi dello svincolo Agropoli Nord, al fine di rendere sicuro anche quel tratto di strada. Poco dopo, quindi, anche la posa della prima pietra del nuovo edificio scolastico, che nascerà nelle immediate adiacenze del plesso che fa parte dell’I.C. “Agropoli-San Marco”. «Ci riempie d’orgoglio, perché si tratta di dare dignità anche a questa scuola – ha concluso Coppola, dinanzi ai bambini festanti, che l’hanno accolto cantando l’inno italiano – I ragazzi avranno aule, palestre, cortili, parcheggi, come giusto che sia, in questo modo diamo dignità ad ogni frazione, e questo è un’altro impegno dell’amministrazione comunale mantenuto».

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur