Agropoli, multe fino a 500 euro per i fuochi d’artificio

di Antonio Vuolo

Il sindaco di Agropoli, Adamo Coppola, ha firmato un’ordinanza con la quale vieta di far esplodere fuochi d’artificio, petardi e mortaletti di qualunque tipologia in tutti gli spazi pubblici. Il provvedimento, firmato alla vigilia di Natale, è valido fino al prossimo 8 gennaio e riguarda in particolare le aree dove sono presenti luoghi sensibili quali ospedali, cliniche, case di cura, chiese, ma anche uffici pubblici, in tutto il centro storico e nelle aree pedonali. Spetterà alla Polizia Municipale vigilare affinché l’ordinanza venga rispettata. Per i trasgressori sono previste sanzioni fino a 500 euro.

«Questa usanza di lanciare botti e petardi – osserva il sindaco Coppola – ha causato in passato lesioni, anche gravi, alle persone che li maneggiavano o che venivano accidentalmente colpiti. Lo scoppio di artifici pirotecnici, inoltre, arreca disturbo e danni non soltanto alle persone ma anche agli animali domestici che possono avere gravi conseguenze dal forte rumore che in queste circostanze viene prodotto. Infine non bisogna dimenticare che la loro esplosione costituisce una fonte di inquinamento ambientale, in ragione dell’emissione di polveri sottili che si disperdono nell’aria». «Invito tutti ad un uso ponderato degli artifici pirotecnici; la Polizia Municipale si occuperà dei controlli, ma tocca innanzitutto ad ognuno di noi avere un comportamento responsabile», conclude il primo cittadino

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019