• Home
  • Cronaca
  • Angelo Vassallo, a 12 anni dalla morte la commemorazione ad Acciaroli

Angelo Vassallo, a 12 anni dalla morte la commemorazione ad Acciaroli

di Antonio Vuolo

Sulle note de “Il Silenzio” è stata deposta in mare una corona di alloro mentre il sole cala alle spalle del porto turistico di Acciaroli, luogo caro al Sindaco Pescatore, che ieri è stato ricordato con una cerimonia di commemorazione, a dodici anni dalla sua morte. Per il sindaco Angelo Vassallo, ucciso la sera del 5 settembre 2010, è stata celebrata una santa messa, officiata da don Angelo, all’interno della chiesa della SS Annunziata, alla quale hanno preso parte sindaci, autorità, associazioni e semplici cittadini. La manifestazione organizzata dal Comune di Pollica è avvenuta a due giorni di distanza dalla marcia della legalità organizzata dalla Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore. Due eventi diversi, ma con un solo obiettivo: conoscere la verità.

«Il dolore è immutato da quando papà non c’è più. Ci fa piacere che le indagini vanno avanti e degli ultimi sviluppi con le nove persone indagate, speriamo di poter conoscere finalmente la verità», ha detto Antonio Vassallo, il figlio di Angelo. «Ci sono momenti in cui ci credo meno, e altri momenti in cui vorrei continuare a credere che lo Stato c’è, ch’è uno Stato onesto e che vuole conoscere la verità su mio padre», dice. E’ con la madre Angelina, vedova di Angelo, e alla sorella Giusy.

«Speriamo che si arrivi presto ad un processo e ad una verità giudiziaria, che sarà sicuramente triste perché abbiamo perso una persona straordinaria del nostro territorio, che ci ha indicato una via, che oggi anche noi proviamo a seguire, coltivando la bellezza di questi luoghi», aggiunge Stefano Pisani, sindaco di Pollica, intervistato sul porto. Ad Acciaroli, in serata, arrivano anche il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, e il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci. Collegati a distanza altri sindaci italiani. Molti anche i sindaci cilentani presenti.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019